Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 16 Luglio 2018 - Aggiornato alle 1:07
MODICA - 21/11/2011
Politica - La recente visita del sindaco di Ragusa per incontrare i simpatizzanti dell’associazione Territorio

Il Pdl modicano non ha gradito la visita di Dipasquale

Il coordinatore cittadino Michele D’Urso invita il sindaco a fare chiarezza sul suo ruolo

Nello Dipasquale viene in città ma il Pdl non gradisce. Il coordinatore cittadino Michele D’Urso invita il coordinatore dell’associazione Territorio di fare chiarezza visto che la politica ha bisogno di semplificazioni e non di ulteriori confusioni.

Dice Michele D’Urso: «Non riesco a comprendere quale sia il fine di Nello Dipasquale, esponente di spicco del mio partito, che ha fondato una associazione politica a parole apartitica e votata alla soluzione dei problemi dei cittadini, di recente sbarcata anche a Modica, che in realtà opera come un partito politico in piena campagna elettorale, del quale non si comprende la esatta collocazione politica. Il sindaco di Ragusa non ha abbandonato il nostro partito ma di fatto opera politicamente come se lo avesse fatto, tanto che è venuto nella nostra città a tenere un incontro pieno di bei proclami per fare proseliti politici, ma non ha nemmeno ritenuto di invitare gli esponenti cittadini del Pdl.

Saremmo stati lieti di dare il nostro apporto, dopo aver ascoltato le ragioni per cui egli ritiene, come spesso afferma, che la politica negli ultimi anni non sia stata vicina al territorio, visto che proprio lui è stato, ed è ancora protagonista di questa politica. Mi auguro, allora, che Dipasquale e quanti lo stanno seguendo, abbandonino presto i proclami di facile impatto e le improvvise folgorazioni per il bene dei cittadini, ed assumano una posizione chiara e concreta all’interno dello scenario politico locale, anche perché i miei concittadini sono, per tradizione, fini conoscitori della politica e mal digerirebbero eventuali tentativi, specie se provenienti da ambienti esterni, di speculare politicamente sugli interessi della città».