Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 751
MODICA - 28/07/2011
Politica - Il vice sindaco interviene sul futuro del partito e della coalizione col Pd

Enzo Scarso: "Un nuovo Mpa post Riccardo Minardo"

«Bisogna ricostruire dall’interno, ascoltando l’elettorato e la base, anche con spirito critico»
Foto CorrierediRagusa.it

«Mpa ha bisogno di un nuovo leader. Bisogna ricominciare daccapo, ricostruendo il partito, in ambito modicano, dalle fondamenta. L’arresto di Riccardo Minardo per la vicenda Copai ha scombussolato inevitabilmente gli equilibri interni di un partito che vedeva proprio in Minardo l’indiscutibile leader. Adesso è il momento di voltare pagina».

E’ questo il sunto delle riflessioni del vice sindaco Enzo Scarso (foto), che, in una lunga nota, esprime le sue valutazioni sulla situazione attuale e su quanto si prospetta nell’immediato futuro. «Le dimissioni di Angelo Gugliotta da segretario cittadino devono rappresentare una importante occasione di riflessioni per tutto il Movimento per l’autonomia, sia sul futuro del partito in città sia sul ruolo dello stesso nella attuale amministrazione.

E’ indispensabile – prosegue Scarso – che si mantenga la barra dritta al centro e che ciascuno di noi manifesti tutta la propria maturità politica. Per farlo occorre quindi pensare seriamente al nome di chi si assumerà il gravoso compito di gestire il partito a Modica sino a quando con l’on Minardo non avremo modo di riconfrontarci.

Personalmente, non nutrendo velleità di questo tipo, non ho alcuna esitazione a mettere a disposizione il mio modesto contributo verso chi affronterà questo gravoso compito. E’ indispensabile tuttavia che lo si faccia subito poiché non abbiamo – scrive ancora Scarso – le risorse per continuare a vivere di luce riflessa».

Per Scarso «bisogna ricostruire dall’interno, ascoltando l’elettorato e la base, anche con spirito critico». Il vice sindaco dimostra di avere le idee chiare per la nuova programmazione dell’attività amministrativa, quando propone «Certezza del diritto per chi intende investire nel nostro territorio e tempi assolutamente celeri per le relative pratiche di concessione poiché in caso contrario significherebbe davvero chiudere la città agli investimenti e quindi a nuovi possibili posti di lavoro».

Scarso ricorda infine che «l’attuale coalizione, improntata sul rispetto reciproco sia delle persone che dei ruoli, non è preminentemente politica, ma tecnica, per cui non sono da escludere rivisitazioni o aggiustamenti vari anche al solo fine di evitare che qualcuno si adagi sugli allori e dia tutto per scontato».


COSE DA NON CREDERCI
28/07/2011 | 16.39.38
incredulo

AVETE RISOLLEVATO MODICA DA DEBITI,DECRETI INGIUNTIVI E "DISORDINE".....PERCHE´ MANDARE TUTTO A QUEL PAESE,RICONSEGNANDO LA CITTA´ ALLA VECCHIA COALIZIONE?
EVENTUALMENTE VADA VIA SOLO LEI,VICE SINDACO.