Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 926
MODICA - 14/01/2008
Politica - Modica - Nel mirino del deluso il sindaco Piero Torchi

Le verità di N´Zuliddu sull´Udc:
Pitino si dichiara indipendente

Ma la porta resta aperta per Peppe Drago Foto Corrierediragusa.it

N´Zuliddu Pitino (nella foto) va via dall’Udc ma lascia aperto uno spiraglio. « La porta è aperta; se ci saranno cambiamenti di rotta nell’Udc modicano io non mi tirerò indietro. Ho avuto contatti con Mpa, An e Forza Italia ma per il momento non voglio fare scelte. C’è tempo perché voglio capire dove va la politica provinciale ed il quadro politico da qui a qualche mese».

Vincenzo Pitino si dichiarerà intanto indipendente alla prossima seduta del consiglio provinciale perché la decisione di lasciare l’Udc è ormai ufficiale. Lo stesso Pitino lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa dai toni pacati ma altrettanto netti nei confronti di alcuni esponenti del partito modicano. A cominciare dal sindaco Piero Torchi « Non mi parla da sette mesi ? dice Pitino ? Eppure sa che c’è disagio nel partito, non capisco il suo atteggiamento. Ho aiutato Torchi nella prima e nella seconda elezione a sindaco e non mi spiego il suo silenzio nei miei confronti. Forse non ha gradito l’avergli rinfacciato di non avere garantito nella giunta visibilità agli amici che sono con me«.

Pitino non ha gradito infatti le scelte fatte dal partito al momento della scelta degli uomini per gli assessorati « Carmelo Drago era espressione del leader, Giorgio Aprile era stato il più votato, ma perché la scelta di Paolo Nigro ? Non aveva avuto grandi consensi, era stato già capogruppo, assessore, presidente della Multiservizi, eppure Torchi lo ha riconfermato nonostante un deludente consenso a scapito di chi, come me, è sceso in campo per la campagna elettorale.

Anche alla provincia difficile capire le scelte dell’Udc. E’ arrivato Enzo Cavallo, neppure eletto consigliere, ed è diventato assessore a scapito di chi ha raccolto quasi tremila voti. Cosa significa questo ? Forse che chi arriva per ultimo è premiato nei confronti di chi ha dato tutto per il partito? Questo è il disagio ed il malessere che avverto e questi i motivi che mi hanno portato a lasciare l’Udc».