Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1260
MODICA - 24/04/2011
Politica - Modica: dura risposta dei partiti di maggioranza al Pdl

A palazzo S. Domenico opposizione frastornata

Pd, Mpa e Nuova Prospettiva rimandono al mittente le critiche di D’Urso, Azzaro e Carpenzano

I partiti di maggioranza rimandano al mittente le accuse del Pdl. «E’ un’opposizione spappolata in gruppi e sottogruppi capace solo di produrre documenti banali e ripetitivi, incapace persino di sostenere e valorizzare quei pochi consiglieri che, seppur dall’opposizione, cercano di impegnarsi ed, in ultimo, priva di argomenti. Per Pd, MPA e Nuova Prospettiva il giudizio è severo nei confronti dei tre consiglieri Pdl, Bartolo Azzaro, Michele D’urso e Luigi Carpenzano, che hanno chiesto le dimissioni della giunta per manifesta incapacità.

L’analisi politica della maggioranza è lineare: « E’ un’opposizione frastornata dalla imprevista batosta elettorale, schiacciata dal senso di colpa per le gravi responsabilità che la città gli addebita, incapace tranne rare eccezioni di elaborare proposte alternative, assente in città e in consiglio comunale quando si dibattono ed approvano delibere importanti. Dobbiamo prendere atto di non disporre di una opposizione propositiva e al contempo vigile e rigorosa comporta documento alla città ed alla stessa Amministrazione, lasciando spazio e voce ai vari Failla e Iabichella di turno i quali, senza né averne né titolo né cognizione, si ergono a protagonisti dell’opposizione e si accreditano come rappresentanti di tutto e del contrario di tutto». Giorgio Iabichella da parte sua non ha accettato il riferimento al suo ruolo e rivendica il diritto a rappresentare i cittadini che nell’opinione di Giorgio Iabichella non sono ascoltati da sindaco ed amministrazione. Anche Sebastiano Failla non ci sta e addebita al sindaco insofferenza alle critiche. Pd, Mpa e Nuova Prospettiva rivendicano al sindaco ed alla sua giunta il merito di avere affrontato il grave problema del deficit finanziario e di avere raggiunto risultati importanti tanto da evitare il collasso.

IL DOCUMENTO DEL PDL

E’ una maggioranza "scollata". Lo sostengono i tre consiglieri Pd, Luigi Carpenzano, Bartolo Azzaro e Michele D’Urso alla luce delle decine di interrogazioni che in consiglio comunale provengono dagli stessi banchi dei partiti che sostengono la giunta Buscema. Per i tre consiglieri Pdl questo atteggiamento denota l’incapacità di dialogo all’interno della maggioranza e soprattutto di relazionarsi tra i vari esponenti in giunta prima che i vari problemi diventino casi d’aula.

Dice Michele D’Urso: «Dalle interrogazioni presentate sugli argomenti più disparati come urbanistica, strade. Marina di Modica, viabilità e disinfestazione, emerge la difficoltà, per i consiglieri di maggioranza, di comprendere l’operato della amministrazione espressa dai loro stessi partiti e dall’altra parte l’incapacità degli amministratori ad intercettare i bisogni della città attraverso l’azione dei loro stessi consiglieri

Prendiamo inoltre atto dei tanti dissidi tra consiglieri ed assessori di questa spuria coalizione, dove i toni da educande sono stati abbandonati da tempo e si è passati a randellate dialettiche fra di loro, che neppure noi, dai nostri banchi, abbiamo mai dato. La giunta Buscema ci appare oggi più che mai come una nave senza nocchiero».