Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 614
MODICA - 14/04/2011
Politica - Modica: l’annuncio in consiglio comunale con una lettera messa agli atti

Paolo Nigro lascia il Pid e si dichiara indipendente

Decisivi i contrasti avuti con il capogruppo Giorgio Stracquadanio
Foto CorrierediRagusa.it

Paolo Nigro (foto) ha lasciato Paolo Nigro ha lasciato il Pid. Lo ha dichiarato nella seduta del consiglio comunale dichiarandosi indipendente. La notizia era nell’aria già da qualche settimana e l’annuncio non fa altro che ufficializzare uno stato di malessere diffuso da tempo. Paolo Nigro ha letto in un aula una lettera nella quale ha sintetizzato la sua vicenda personale e politica.

«Da tempo –ha detto- constatavo che non c’era squadra, che mancava l’indispensabile raccordo tra organismi di partito e rappresentanze istituzionali; non è stato colto il mio tentativo di coinvolgere su fatti di rilevanza politica sia i colleghi consiglieri, sia la dirigenza di partito, sia i referenti nelle varie istituzioni ed enti sovracomunali. Ho avuto modo di registrare che le incomprensioni, le distrazioni, i disimpegni si sono aggravati fino a diventare incolmabili divaricazioni, di merito e di metodo, nel modo di intendere il ruolo di opposizione per esempio sulle bollette dell’acqua acqua, mozione d’indirizzo edificio via Fontana, l’ incompatibilità sul PRG».

Paolo Nigro ha preferito non vivere più la sua condizione di «separato in casa» lasciando il partito nel quale ha militato oltre dieci anni. Paolo Nigro è stato assessore ed amministratore della Multiservizi ed ha ricoperto un ruolo di rilievo nell’Udc, partito nel quale ha iniziato a far politica al fianco di Peppe Drago. Poi il passaggio al Pid dopo la scissione dall’Udc.
Nel Pid Paolo Nigro è stato capogruppo ma è stato poi soppiantato da Giorgio Stracquadanio con il quale è entrato in collisione e che è stato uno dei fatti che lo hanno indotto al passo decisivo.