Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1306
MODICA - 07/03/2011
Politica - Modica: incompatibilità ufficiale di sedici consiglieri, i nomi comunicati al sindaco

Commissario a palazzo S. Domenico per la variante al Prg

Antonello Buscema si recherà all’assessorato al Territorio ed Ambiente a Palermo per accelerare la nomina

E’ ufficiale. La variante al piano regolatore dovrà essere approvata dal commissario regionale. Ieri il presidente del consiglio, Carmelo Scarso, ha restituito al sindaco l’incartamento riguardante la variante che aveva ricevuto il 10 gennaio scorso.

Il presidente Scarso ha comunicato che i consiglieri compatibili con l’adozione della variante sono solo 14 sui trenta componenti la civica assise per cui non ci sono le condizioni per discutere ed adottare il documento urbanistico.

Tra gli incompatibili figurano tre consiglieri Pd Carmelo Cerruto, Salvador Avola e Giorgio Zaccaria; quattro Mpa Silvio Iabichella, Piero Covato, Leonardo Aurnia,Michele Mavilla; nel Pdl Bartolo Azzaro, Nino Gerratana, Luigi Carpenzano, Giovanni Migliore in Idea di Centro; nel Pid Paolo Nigro e Giorgio Aprile, nell’Udc Concetto Puccia ritenuto incompatibile perché non ha presentato alla scadenza dei termini la dichiarazione, Salvatore Cannata dei Popolari e Michele Colombo di Modica in Primo Piano.

Il sindaco non ha potuto far altro che prendere atto ma annuncia: «Mi metterò subito in contatto con l’assessore al territorio ed ambiente per avere un incontro a Palermo con i funzionari e lo stesso assessore. Andrò personalmente insieme all’assessore all’urbanistica per chiedere che il commissario venga nominato in tempi strettissimi e spero che l’assessore dimostri attenzione alla nostra richiesta. Abbiamo tutta l’intenzione di portare a compimento l’iter della variante ma paradossalmente la nomina del commissario, seppur una ferita dal punto di vista politico-amministrativo perché esclude il dibattito in consiglio, accelererà l’iter della approvazione in quanto salta a piè pari i tempi della discussione».