Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 572
MODICA - 26/02/2011
Politica - Modica: mal di pancia nella maggioranza per qualche iniziativa di pessimo gusto

La giunta di Modica rischiava di "saltare" per un manifesto

Il vice sindaco Enzo Scarso, sentitosi offeso da Nino Cerruto, si è detto pronto a rimettere al sindaco la delega alla polizia municipale
Foto CorrierediRagusa.it

Un manifesto rischia di mandare a gambe all’aria la maggioranza. Il vicesindaco Enzo Scarso, anche a nome di Mpa, di cui è autorevole rappresentante in giunta, ha chiesto spiegazioni ad Antonello Buscema e si è detto pronto a consegnare la delega alla polizia urbana. Antonello Buscema da parte sua invita tutti a far squadra, a non far polemiche perché i cittadini vogliono fatti. Tutto da verificare se la risposta interlocutoria del sindaco che non tocca il punto nodale, sollevato dal vicesindaco che è anche politico e che punta direttamente ad un componente della maggioranza indurrà Enzo Scarso a fare un passo indietro e soprattutto non irrigidirà Mpa.

Tutto è nato dal manifesto «E le stellette stanno a guardare» firmato dal Movimento «Una Nuova Prospettiva», che con Nino Cerruto è presente a palazzo S. Domenico e sostiene l’attuale maggioranza Pd–Mpa. Il movimento non è nuovo a stilettate, critiche e manifesti che con una certa regolarità appaiono sui muri della città. «La misura è ormai colma» –dice Enzo Scarso- «Dobbiamo capire chi siamo e dove andiamo. Chi fa parte dell’attuale maggioranza e chi sta con un piede dentro ed uno fuori».

Scarso è andato su tutte le furie e non ha accettato l’attacco sferrato; il manifesto vuole infatti mettere in luce con una certa ironia l’insostenibile situazione del traffico e della viabilità cittadina e fa riferimento alle «stellette» per indicare i vigili urbani che, a parere di «Una nuova Prospettiva», invece di controllare, prevenire e sanzionare i comportamenti scorretti degli automobilisti stanno a guardare.

Dice l’assessore Scarso «Sorprende ed amareggia me personalmente ma anche l’intero Movimento per l’autonomia , trovarsi derisi a mò di battute da cabaret, su tutti i muri cittadini da chi invece avrebbe il compito precipuo di tutelarci e, assertore estremista della legalità quale si dichiara essere qualcuno degli autori del manifesto in oggetto, non si scaglia invece contro quei cittadini incivili che ogni giorno rendono invivibili ed impraticabili le nostre strade. Sarà forse perché qualcuno di essi potrebbe essere un loro elettore?

E’ fin troppo facile criticare o cavalcare le onde emozionali della pubblica opinione. Lo fa purtroppo qualche rappresentante istituzionale che per di più dovrebbe anche appartenere alla nostra maggioranza. Non credo che in tal modo si possa continuare a lavorare con serenità e con il giusto equilibrio che la situazione richiede».

La strutturale insufficienza di vigili addetti alla viabilità è uno dei problemi alla base dell’incapacità di gestire al meglio il traffico o almeno di contenerne gli effetti negativi su tutta la rete viaria. «Conoscendo questa realtà –dice Enzo Scarso- ho individuato un percorso che ho condiviso insieme al sindaco e sul quale stiamo lavorando; lo conosce la giunta, lo conoscono i partiti della maggioranza.

Abbiamo poco più di trenta vigili viabilisti e ne abbiamo bisogno almeno altri dieci per assicurare una presenza soddisfacente sul territorio. Non possiamo bandire concorsi ed abbiamo dunque chiesto al personale comunale interessato di transitare nei servizi del comando. Ci sono nove domande, pensiamo anche di ricorrere al personale contrattista. Attingeremo dunque da queste risorse umane ma abbiamo bisogno di tempo non di critiche precostituite. Chi sta nella maggioranza in particolare sa quali sforzi stiamo facendo. In ogni caso non voglio pagare davanti ai cittadini per responsabilità che non ho. Pronto a rimettere la delega ed il sindaco faccia sentire la sua voce rispetto a questo biasimevole e sterile attacco».

Nella foto in alto da sx Enzo Scarso e Antonello Buscema. Sotto, il manifesto incriminato: cliccateci per ingrandirlo