Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 514
MODICA - 28/01/2011
Politica - Ragusa: per il sindaco uscente solo un sostegno a metà da parte del Polo della Nazione

Per Nello Dipasquale arriva il sì da Palermo da Fli e Udc

Mpa e Api devono ancora decidere ed il Polo della Nazione si spezza alla prima prova

Udc e Fli dicono sì a Nello Dipasquale; Mpa e Api devono ancora pensarci e decideranno nei prossimi giorni.

Il Polo della Nazione si spezza già alla prima prova vera visto che era stato annunciato che ogni decisione sarebbe stata presa dai quattro partiti insieme. Non è stato così perchè Fli ha rotto gli argini per primo, nonostante l´area di Fabio Granata frenasse per il sostegno al Pdl e quindi a Dipasquale; subito dopo l´Udc che non se l´è sentita di dire no all´appello dei suoi uomini sul territorio. Raffaele Lombardo è rimasto così con il cerino in mano e la sua posizione intransigente sull´alleanza per il sostegno ad un sindaco Pdl potrebbe a questo punto scemare. Non è escluso tuttavia che Lombardo sia per la linea dura e dica no a Dipasquale insieme ad Api.

Enzo Pelligra di Fli commenta così la decisione del suo partito «Si è voluta chiarire, in ogni caso, l’eccezionalità della decisione rispetto al quadro nazionale fatto sta che, proprio per garantire la continuità di un’azione che nel corso di questi ultimi cinque anni ci aveva visti a sostegno di Dipasquale, ci daremo da fare per sostenerlo anche in vista delle amministrative di primavera. Si chiude in maniera positiva, dunque, una giornata convulsa. Ci corre l’obbligo di ringraziare i vertici regionali del partito che hanno tenuto in debita considerazione le nostre motivazioni.»

Nello Dipasquale a questo punto può vedere il bicchiere mezzo pieno perchè ha incassato il sì di due partiti del centro destra e perchè ha scompaginato il Polo della Nazione con il caso Ragusa.

La giornata politica

Sull’appoggio alla candidatura del sindaco Nello Dipasquale Ragusa rinvia a Palermo e Palermo inoltra a Roma. L’appoggio di Mpa,Fli,Api ed Udc resta dunque in stand by in attesa che i vertici del Terzo Polo, riuniti a Todi, dettino la linea. Ragusa è un caso esemplare perchè il Terzo Polo non può mostrare incertezze e soprattutto un brutto esordio a pochi giorni dalla costituzione della nuova formazione politica.

Il principio guida è quello di presentare in ogni realtà un proprio candidato a sindaco ma i coordinatori locali hanno a più riprese rimarcato la specificità ragusana dove con Di Pasquale sono andati tutti d’amore e d’accordo nel corso della legislatura. Il rinvio dei segretari regionali sull’accoglimento della richiesta avanzata dal territorio, data per scontata in un primo momento, ha messo in fibrillazione tutto il mondo politico ragusano. Pinuccio Lavima segretario Udc è pronto a dimettersi se non verranno accolte le istanze del territorio e molti Udc sono pronti a trasmigrare nella lista Dipasquale sindaco.

Lo hanno già fatto gli assessori Di Noia e Giaquinta che hanno lasciato Mpa ed abbracciato senza se e senza ma le sorti del primo cittadino. Il Terzo Polo si è ritrovato così una bella gatta da pelare tra le mani anche perché a fronte delle posizioni di Mpa e Api, più restii ad appoggiare Dipasquale, ci sono invece le posizioni più convergenti di Fli ed Udc.

Dice Enzo Pelligra a nome del Fli: «Questa decisione di spostare la trattativa al tavolo nazionale mortifica oltre ai segretari provinciali di tutti i partiti anche la base che si era espressa chiaramente per il sostegno a Dipasquale. In seno a Fli sono già stati preannunciati abbandoni di massa, da parte dei dirigenti e degli iscritti, qualora dovesse passare una linea diversa da quella già scelta. Il sindaco Dipasquale, d’altronde, ha rispettato i patti. E’ stato corretto sul piano amministrativo e, per quanto ci riguarda, anche su quello politico. A Ragusa, così come a Vittoria, Fli non se la sente di appoggiare candidati di sinistra» Deroga o meno Il più sereno appare per il momento lo stesso sindaco «Lo dicano al più presto -dichiara Nello Dipasquale- Ho bisogno di sapere chi sta con me e chi no. E non sono disposto ad attendere oltre.
Darò il via alla campagna elettorale con il sostegno di chi storicamente ha affiancato la mia attività amministrativa: Pdl, Pid, Lista Dipasquale Sindaco, Ragusa Soprattutto e Pri. Non posso evitare di sottolineare che i vertici di questo nuovo soggetto politico continuano a rifiutare, con dichiarazioni ufficiali, alleanze con il Pdl.

Il mio comportamento rispetto alle loro posizioni è diametralmente opposto e se questa deroga per Ragusa dovesse arrivare, Udc, Mpa, Fli e Api troveranno, come sempre è stato, le porte aperte. Come ho detto in più occasioni, sono disposto ad essere affiancato da chiunque vorrà offrire il proprio lavoro e il proprio contributo di idee al progetto di sviluppo della città».