Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1400
MODICA - 13/01/2011
Politica - Modica: lo prevede l’articolo 2 della legge 1 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale

Il debito con la Regione si paga in 10 anni, Modica respira

Si tratta di sei milioni 750 mila euro messi a disposizione tre anni fa dal presidente Raffaele Lombardo

Sindaco ed assessore al bilancio tirano un bel sospiro di sollievo. Potranno infatti pagare il debito con la Regione non più in tre anni ma diluendolo in dieci anni.

In termini pratici significa che l’amministrazione avrà a disposizione ulteriori somme per onorare altri debiti, vedi Enel, Università, comune di Scicli, ed uscire dalle difficili condizioni finanziarie in cui versa. La notizia arriva da Palermo dove il governo Lombardo ha approvato una norma, l’articolo 2 della legge 1, già pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, che prevede la restituzione del debito contratto a fronte delle anticipazioni concesse ai comuni della Regione per particolari situazioni di emergenza non più in tre anni ma in dieci anni.

«E’ una bella notizia -commenta l’assessore al bilancio Santino Amoroso- Una boccata d’ossigeno per le nostre casse che non godono ancora di buona salute.» Il debito di palazzo S. Domenico ammonta a sei milioni 750mila euro e l’amministrazione ne aveva previsto la restituzione in tre rate di due milioni 251 mila euro. Grazie alla legge approvata si potrà restituire la somma con dieci rate da 675 mila euro ciascuna, liberando di fatto un milione 600mila euro per altri impieghi.

Fu il presidente Raffaele Lombardo tre anni fa a concedere cinque milioni di euro alla giunta Buscema alla luce dell’impossibilità di far fronte alle spese per il personale e per il pagamento di alcuni servizi essenziali. Un ulteriore stanziamento di un milione 750mila euro fu concesso portando l’importo del debito alla somma attuale.