Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 25 Novembre 2017 - Aggiornato alle 23:34 - Lettori online 562
MODICA - 29/09/2010
Politica - Modica: l’opposizione contesta le scelte di Pd e Mpa

La "nuova" giunta non piace al Pdl: "Siamo allo sfascio"

"L’azzeramento degli uomini e delle rispettive deleghe rappresenta l’annullamento di tutti i programmi in corso d’opera"

Al Popolo delle libertà non proprio giù la giunta Buscema bis. In verità, questa nuova squadra amministrativa, "nuova" lo è solo sulla carta, visto che le facce solo quelle solite, a parte un paio, peraltro sconosciute alla politica. Un "particolare" che non è sfuggito al Pdl che si dice «Senza parole dinanzi allo sfascio di questa giunta».

«A distanza di appena due anni dall’insediamento si legge nella nota del Pdl il sindaco ha deciso di cambiare cinque assessori su sette e di ruotare quasi tutte le deleghe. Come può intendersi una tale incredibile decisione scrive il Pdl se non come la certificazione del fallimento totale della politica messa in atto nei primi due anni di amministrazione.

L’azzeramento degli uomini e delle rispettive deleghe prosegue il Pdl rappresenta l’annullamento di tutti i programmi in corso d’opera, operazione di sconvolgente superficialità, camuffata dal primo cittadino come una prova di grande politica. Tutti i cittadini comprendono invece aggiunge il Pdl come una amministrazione che ha fondato la sua opera sul risanamento finanziario, e che oggi risulta aver cambiato tre assessori al bilancio in due anni, abbia fallito il proprio mandato.

Pd e Mpa conclude il Popolo della libertà dovrebbe poi spiegare perché la delega al Bilancio sia stata assegnata ad uno sconosciuto tecnico di Palermo imposto da Lombardo e dai suoi colonnelli modicani ed accettato supinamente da tutta la coalizione, sindaco in testa, come se a Modica mancassero le professionalità cui attingere».