Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1209
MODICA - 26/09/2010
Politica - Modica: la nuova giunta Pd Mpa si è insediata a palazzo S. Domenico

Antonello Buscema: "Ora siamo pronti per giocare all´attacco"

Annamaria Sammito, assessore alla cultura, è l’unica donna della squadra del sindaco
Foto CorrierediRagusa.it

Sono Annamaria Sammito e Giovanni Giurdanella (nella foto con Giovanni Spadaro) le due pedine che mancavano al Buscema bis. Anna Maria Sammito, 45 anni, laureata in lettere classiche, archeologa, alla sua prima esperienza amministrativa, è il nuovo assessore alla cultura e rappresenta la quota «rosa» in giunta dopo la fuoriuscita di Tiziana Serra.

Giovanni Giurdanella è l’uomo di fiducia del sindaco in campo legale. Avvocato, 46 anni, esponente del direttivo del Pd, Giovanni Giurdanella è amministratore della Multiservizi, carica che dovrà lasciare subito perché incompatibile.

Santo Amoroso, 65 anni, voluto da Mpa e dal suo leader Riccardo Minardo, già assessore al comune di Cefalù con la delega al bilancio, avrà il compito di traghettare l’ente verso la stabilità finanziaria e risolvere i tanti problemi sul tappeto sia dal punto di vista delle entrate e soprattutto degli esborsi. Il neo assessore alle finanze ed al bilancio si è presentato puntualmente a palazzo S. Domenico e si è detto contento di questa nuova esperienza. «Ho lavorato già con Franco Bondì –ha detto l’assessore- e conosco la realtà di Modica. Ho accompagnato il sindaco nella sua visita al ministero per parlare della situazione finanziaria. Mi metterò subito al lavoro».

Giovanni Spadaro, 40 anni, geometra, già assessore nella giunta Ruta, in quota Pd, consigliere comunale, è invece il nuovo assessore all’ambiente, al cimitero ed allo sport. La squadra del Pd è completata da due assessori già in carica; Peppe Sammito che invece del bilancio ha avuto i Lavori Pubblici e Nino Frasca Caccia che mantiene la delega allo sviluppo economico.

In casa Mpa non ci sono molte novità a parte Santo Amoroso; entra Paolo Garofalo con i servizi sociali e lascia la carica di presidente del consiglio cui è destinato Carmelo Scarso. Resta al suo posto Enzo Scarso ma avrà oltre al turismo anche la polizia urbana e la viabilità. Scarso continuerà ad essere il vice di Antonello Buscema quale espressione di Mpa.
Da assegnare ancora la delega alla Pubblica Istruzione che Buscema ha trattenuto per sé in attesa di assegnarla.

Il sindaco ha voluto essere chiaro nel presentare la sua nuova giunta «Questa squadra non nasce per capriccio ma come precisa scelta politica. Non ci sono state dunque valutazioni personali nel lavoro degli assessori uscenti ma solo la necessità di imprimere un altro passo in questi ultimi due anni e mezzo di legislatura. Finora abbiamo giocato in difesa per tamponare l’emergenza finanziaria, da oggi cominceremo ad andare in attacco per dare risposte alla città. Abbiamo cominciato con la pavimentazione delle strade ma continueremo con il piano regolatore, con l’accelerazione sulla riscossione dei tributi, con lo smantellamento della Multiservizi».

Sulla posizione assunta da Una Nuova Prospettiva sull’assegnazione della delega ai servizi sociali, definita «una riserva di caccia» di Mpa, Antonello Buscema è stato realista «La politica è l’arte del possibile; bisogna far combaciare aspirazioni diverse e non mi pare proprio che i servizi sociali siano uno spazio di pertinenza solo Mpa».

Questo il quadro del nuovo esecutivo:

Enzo Scarso: Vice Sindaco e assessore al Turismo, Spettacolo, Polizia Municipale, Viabilità e Autoparco;

Santo Amoroso: Bilancio, Finanze e Patrimonio Immobiliare;

Nino Frasca Caccia: Sviluppo Economico e Contenzioso;

Paolo Garofalo: Servizi Sociali, Personale ed Edilizia Popolare;

Giovanni Giurdanella: Urbanistica e Protezione Civile;

Anna Maria Sammito: Cultura, Centro Storico e Area Archeologica;

Giuseppe Sammito: Lavori Pubblici e Società partecipate;

Giovanni Spadaro: Ambiente, Manutenzioni, Sport e Servizi Cimiteriali.

La delega alla pubblica istruzione rimane al momento nelle mani del Sindaco in attesa di una sua collocazione in tempi brevi.