Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 858
MODICA - 21/09/2010
Politica - Modica: nel corso dell’ultima seduta del consiglio comunale

Tato Cavallino lascia il Pdl e si dichiara indipendente

Il civico consesso ha poi approvato, con voto unanime, un ordine del giorno sulla scuola contro la riforma Gelmini

Il consiglio comunale approva un ordine del giorno sulla riforma Gelmini e prende atto delle dichiarazioni di Tato Cavallino. Il consigliere eletto nelle liste del Pdl si è infatti dichiarato indipendente all’inizio della seduta sorprendendo con il suo intervento il suo capogruppo Pdl Luigi Carpenzano e gli altri consiglieri del centro destra che non avevano avuto il minimo sentore delle intenzioni di cavallino.

Il consigliere, già assessore nella giunta Torchi, ha motivato le sue dimissioni con la mancata condivisione di alcune decisioni del partito in merito alla riforma scolastica, all’aeroporto di Comiso, all’assegnazione dei fondi Fas. Cavallino è insoddisfatto e si è posto in posizione di ascolto nei confronti della maggioranza e senza preclusioni politiche. Critico il capogruppo Luigi Carpenzano per il cambio di casacca e per il mancato rispetto nei confronti degli elettori che hanno votato Cavallino in quanto inserito nelle liste Pdl.

Il consiglio ha poi ascoltato le testimonianze di due sindacalisti ed un docente sulla riforma Gelmini. Fatima Palazzolo ha fatto toccare con mano le difficoltà dei giovani per accedere al mondo della scuola, il persistente stato di precariato, i tagli del tempo didattico che limitano fortemente le possibilità di un futuro per docenti ed alunni. Raffaele Brafa, segretario della Gilda, e Salvatore Brullo, segretario della Cgil scuola, hanno evidenziato le difficoltà di insegnare in classi sovraffollate, il mancato rispetto dei livelli di sicurezza, l’umiliazione dei precari, l’applicazione di una riforma dettata dai tagli imposti dal ministro del tesoro.

E’ insomma una riforma che rischia di peggiorare una situazione già precaria tagliando posti di lavoro e riducendo l’offerta formativa. Il consiglio comunale a conclusione del dibattito che ha coinvolto consiglieri di maggioranza ed opposizione ha approvato un ordine del giorno con il quale si istituisce un tavolo tecnico che dovrà accertare le condizioni di sicurezza degli edifici scolastici per segnalare eventuali non conformità alla legge. Il tavolo tecnico opererà anche per ottenere risorse per il tempo pieno, per il sostegno ai portatori di handicap e per l’istituzione di nuove classi.