Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1234
MODICA - 07/09/2010
Politica - Modica: duro documento dell’opposizione sul ruolo del presidente del consiglio comunale

Garofalo nel mirino del Pdl. Mpa insorge: "Solo gossip"

L’esponente autonomista rivendica il diritto di fare politica a livello personale
Foto CorrierediRagusa.it

Pdl arrogante ed aggressivo. Non è piaciuto ad Mpa l’attacco sferrato dal gruppo consiliare del Pdl nei confronti del presidente del consiglio Paolo Garofalo (nella foto). Dice il capogruppo Carmelo Scarso «Invece di produrre atti concreti per risolvere i problemi della città il Pdl offende gli avversari politici e soprattutto le figure istituzionali. E’solo questa l’azione politica che il gruppo consiliare del Pdl riesce a svolgere?»

Paolo Garofalo, sostiene Mpa, ha partecipato ad alcune riunioni politiche, peraltro non ufficiali, a livello personale e non nella sua qualità del presidente del consiglio ed ha agito pertanto nel modo che ha ritenuto più opportuno ma soprattutto nella trasparenza e nella realtà. Nessuno scandalo dunque per Mpa che rimanda al mittente tutte le accuse.

Garofalo da parte sua ha detto in un comunicato ufficiale "Non nascondo il senso di disagio nei confronti della città a cui di dovere delle scuse formali per il fatto che la stiamo costringendo ad un dibattito politico precipitato al rango di pettegolezzo. Non mi si può preludere la possibilità di manifestare il mio pensiero al di fuori del mio ruolo istituzionale e di partecipare al dibattito nel mio partito"

LE ACCUSE DEL PDL
Quel presidente è super partes. Al Pdl non piace Paolo Garofalo ed i consiglieri comunali non ne fanno mistero.

Agli occhi del Pdl il presidente Garofalo ha avuto il torto di partecipare a riunioni politiche insieme al suo leader Riccardo Minardo a riunioni politiche per conto ed in nome di Mpa. Una partecipazione non gradita perché il presidente del consiglio si dovrebbe astenere, nella valutazione del partito di opposizione, dalle riunioni in cui si parla di fatti amministrativi come il bilancio.

Dice il Pdl in un documento «La sua partecipazione a queste riunioni è una palese mancanza di rispetto al suo ruolo, all’Istituzione che rappresenta, all’intero consiglio comunale che lui dice di difendere solo quando gli conviene e magari se qualcuno muove critiche alla sua persona. E la sua presenza rende inutile la conferenza dei capigruppo, sede deputata a tracciare le linee guida di ciò che deve succedere in aula».

Paolo Garofalo è da tempo nel mirino delle opposizioni che in qualche occasione con Nino Gerratana sono arrivate a chiederne le dimissioni. Paolo Garofalo dal suo canto è elemento di riferimento per Mpa in consiglio comunale e fa parte del consiglio direttivo del partito autonomista locale.