Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1040
ISPICA - 16/10/2009
Politica - Ispica: alleanza tra Partito democratico, Insieme per Ispica e Partito socialista

Ispica: amministrative 2010, pronto l´anti Rustico

Scenderanno in campo con un candidato sindaco

Il Partito democratico (Pd), Insieme per Ispica ed il Partito socialista (Ps) stringono un patto di alleanza, proponendosi agli ispicesi come coalizione del centro sinistra nelle elezioni amministrative del 2010. Scenderanno in campo con un candidato sindaco da contrapporre a Piero Rustico, attuale primo cittadino di Ispica ed espressione del Popolo delle libertà (Pdl), che si riproporrà per il secondo mandato.

La notizia è stata resa nota attraverso un documento firmato dai segretari del Pd e del Ps, Pierenzo Muraglie e Saverio Alaimo, e dal coordinatore di Insieme per Ispica, Michele Strano, ex assessore al Bilancio del Comune, nella giunta Rustico.

Il papabile candidato della neo coalizione potrebbe esser attinto dal Pd. Sono tre, in particolare, i nomi che circolano. In primis, quello di Gaetano Fidelio, vice sindaco nella legislatura del sindaco Rosario Gugliotta. Poi, le novità: il professor Maurizio Franzò, preside del Liceo classico «Curcio» e il dottor Antonino Gianì, noto medico ispicese.

Muraglie, interrogato sull’argomento, non fornisce alcuna conferma. Ma precisa che il nome del candidato sindaco sarà frutto della volontà della coalizione.

Non è naturalmente escluso che questa nuova coalizione possa allargarsi. Le liste civiche che intende costituire il dottor Pippo Barone (ex Margherita, ma mai candidatosi a qualsiasi carica) potrebbero risultare utili a Pd, Ps e Insieme per Ispica nella corsa verso il ballottaggio (unica maniera, forse, per battere il candidato del Pdl).

Se Barone dovesse rendersi disponibile, la rosa dei papabili candidati a sindaco mostrerebbe un petalo in più.

È infatti noto che Barone ambisca a diventare sindaco di Ispica. Anche se il silenzio, per il momento, interessa anche lui.

La nebbia più fitta avvolge invece l’Udc e il Movimento per l’autonomia (Mpa).

La Vela, finora, rimane fedele al Pdl, ma non si escludono colpi di scena. I consiglieri comunali Carmelo Pisana e Giuseppe Bellisario sono scontenti del Pdl, del sindaco Rustico e dei loro stessi assessori Cesare Pellegrino e Gianni Tringali.

Il malcontento dei consiglieri della Vela è stato confermato dal segretario provinciale Pinuccio Lavima. In una nota, ha «ringraziato gli assessori ed i consiglieri comunali per l’importante azione politico - amministrativa svolta nei rispettivi ruoli, auspicando nel contempo un maggiore raccordo tra gli stessi e con il partito».

Il documento è stato redatto e diffuso dopo una riunione convocata da Lavima il 9 ottobre scorso ad Ispica. Erano presenti Orazio Ragusa, Giovanni Cosentini, Enzo Catera, Paolo Monaca, Sesto Bellisario, Franco Rabbito, Tringali, Pellegrino, Bellisario e Pisana.

Non solo, per protesta contro il primo cittadino, uno dei componenti ispicesi del direttivo provinciale della Vela, Sesto Bellisario (padre del consigliere comunale), ha addirittura rinunziato ad una mansione di supporto all’attività del sindaco Piero Rustico, relativa alla Protezione civile.

Il Mpa, invece, tace. O meglio, attende direttive dal leader del movimento Raffaele Lombardo, presidente della Regione. Un atteggiamento che non smentisce la struttura verticistica del partito. E, forse, molto poco autonomo. Anche se, poche settimane fa, la segreteria politica dell’onorevole Riccardo Minardo, deputato regionale ibleo del Mpa, ha diffuso una nota che palesava la disponibilità del movimento nel proporre un candidato sindaco. E se gli equilibri regionali si orientassero in questa direzione, non è escluso che la scelta possa cadere sul consigliere comunale Anna Maria Gregni, punto di riferimento del movimento ad Ispica.

Gregni naturalmente non conferma (e neanche smentisce), ma sembra chiaro che le intenzioni rese note da Minardo nel comunicato siano una chiara attestazione di stima verso la consigliere ispicese del Mpa.