Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:33 - Lettori online 652
ISPICA - 26/08/2017
Politica - La strada sarebbe simile ad una trazzera secondo l’opposizione

Botta e risposta sullo stato di via Micca

La replica del sindaco Muraglie Foto Corrierediragusa.it

Un’interrogazione consiliare urgente è stata indirizzata al sindaco di Ispica Pierenzo Muraglie dal consigliere comunale indipendente Giuseppe Quarrella (foto) per conoscere i motivi che fino ad oggi hanno costretto i residenti di via Pietro Micca a convivere per tutta l’estate "Con disagi riscontrabili più facilmente in una trazzera di campagna - si legge testualmente nella nota - che in una strada cittadina, nonostante i residenti paghino le tasse al pari di tutti gli altri cittadini".

«È fuori da ogni dubbio – scrive il consigliere indipendente di minoranza Giuseppe Quarrella – che il cittadino deve poter circolare ma soprattutto vivere in strade cittadine pulite, prive di polvere e sgombre da qualsiasi pericolo per la sua sicurezza. Nel caso specifico di via Pietro Micca, un lungo tratto della strada si presenta da diversi mesi con buche ed avvallamenti causati dal mancato ripristino del manto stradale e non si capisce, a tutt’oggi, come mai l’amministrazione comunale non abbia preso in seria considerazione le lamentele dei residenti e ripristinato in tempi celeri la corretta viabilità dell’importante arteria cittadina.

Lo stesso fatto che la strada sia stata danneggiata a seguito di lavori di manutenzione dell’impianto idrico - prosegue il consigliere Quarrella – non dà al comune il diritto di posticipare i necessari lavori d’intervento. Suggeriamo, a chiunque abbia dato una simile motivazione per giustificare il ritardo accumulato nel completare i lavori di via Micca, di ritirare tale affermazione perché sarebbe come obbligare i cittadini ad accontentarsi dei lavori già fatti e ringraziare l’amministrazione per il favore al momento concesso.

Per quanto ci riguarda – conclude Quarrella – il ripristino è il decoro delle strade è un diritto e va immediatamente concesso a prescindere dalle probabili promesse elettorali che vanno circolando in questi giorni di preparazione alla prossima campagna elettorale per le regionali. Quel tratto di strada vive da molto tempo una situazione pessima e disastrosa sotto il profilo del decoro, della sicurezza dei pedoni e degli autoveicoli e per questo motivo vogliamo sapere dall’amministrazione quali sono i motivi che fino ad oggi - conclude il consigliere - hanno impedito i lavori di manutenzione e come e quando ha intenzione di ripristinare la corretta percorrenza di via Pietro Micca".

LA REPLICA DEL SINDACO MURAGLIE
Sulla vicenda si è registrata la replica del primo cittadino Pierenzo Muraglie: "La polemica sul ripristino di via Pietro Micca, oggetto d´importanti lavori di manutenzione alla rete idrica - si legge nella nota del sindaco di Ispica - non ha ragione d´esistere". Muraglie, pur non volendo scadere in polemica e comprendendo i disagi patiti dai cittadini, "Non può non rilevare che tutti i residenti di via Pietro Micca sono perfettamente a conoscenza dell´entità dei lavori effettuati nelle ultime settimane e conoscono i tempi tecnici di cui la manutenzione in questione necessita. Il settore Servizi alla città, guidato dal geometra Salvatore Nigito, ha dovuto affrontare non pochi imprevisti per riparare i tanti guasti rilevati e risolvere problematiche che si trascinavano da anni e pertanto nessuna inadempienza è ascrivibile agli Uffici interessati ovvero all´Amministrazione comunale. Gli Uffici comunali sono stati sempre disponibili nei confronti dell´utenza nel riferire informazioni utili e risolvere i problemi dovuti allo scarso approvvigionamento idrico.

I lavori saranno completati non appena si avrà certezza che tutte le criticità sono state definitivamente superate. Il settore Servizi alla città ha già programmato - chiude la nota - tutte le azioni necessarie.