Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 18 Agosto 2017 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 764
ISPICA - 17/02/2017
Politica - Dito puntato contro l’amministrazione Muraglie

Per Area popolare "Troppa confusione in consiglio"

Lungo documento a firma Mariagiovanna Gradanti e Giuseppe Quarrella Foto Corrierediragusa.it

Ancora assenze importanti nell’ultima seduta del consiglio comunale di Ispica, con la maggioranza presentatasi a ranghi ridotti all’appello delle ore 17. La seduta è ripresa alle 18, ma solo grazie al contributo delle opposizioni, che hanno consentito lo svolgimento parziale del consiglio, nonostante fra i banchi della maggioranza sedessero solo in sette. La lottizzazione è stata comunque approvata, ma con l’astensione del consigliere di Area Popolare Giuseppe Quarrella. Quest’ultimo, infatti, la settimana scorsa aveva esternato la propria preoccupazione, mettendo in evidenza le gravi contraddizioni fra l’annullamento del Piano Regolatore e la grande incertezza che ora regna in consiglio. Per Quarrella questo stato di cose è imputabile ad una «Maggioranza indecisa, pasticciona e sempre più lacerata al proprio interno». Quarrella non nasconde dunque la preoccupazione per una situazione politica che rischia di sfuggire di mano a chi invece avrebbe il compito di guidarla e veicolarla nella giusta direzione.

«Troppe sono le decisioni amministrative soggette a scadenza che – si legge nella nota di Area Popolare – attendono di essere ancora esitate da questo consiglio comunale: bilancio, piano spiagge, piano regolatore generale, centro storico e zona artigianale». Secondo la coordinatrice di Area Popolare Mariagiovanna Gradanti «Era fin troppo facile prevedere il ripresentarsi di lottizzazioni private in consiglio comunale ed il fatto che la maggioranza fosse impreparata ad affrontarle denota grande indecisione ed incapacità amministrativa».

Nella foto Mariagiovanna Gradanti e Giuseppe Quarrella