Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 820
ISPICA - 29/08/2008
Politica - Ispica - Alla presenza del sottosegretario Reina

Ispica: inaugurazione circolo Mpa

Fondato da Anna Maria Gregni alla memoria di don Luigi Sturzo Foto Corrierediragusa.it

Pippo Reina, sottosegretario per le Infrastrutture, ha tenuto a battesimo il nuovo circolo territoriale del Movimento per l’autonomia, fondato da Anna Maria Gregni (nella foto). Dopo l’incontro con Raffaele Lombardo, presidente della Regione, avvenuto nella sede del Comune venerdì scorso, la consigliere comunale del Mpa ha ricevuto il placet dal suo «leader», piantando un nuovo seme dedicato, esclusivamente, alla crescita politica del movimento.

La consigliere comunale del Mpa ha dedicato il circolo alla memoria di Don Luigi Sturzo. «Spero che ? afferma Gregni ? il mio circolo sia sempre all’altezza del nome di Sturzo, il prete di Caltagirone che anticipò di decenni la storia d’Italia. Don Luigi ? spiega ? vedeva, già ai suoi tempi, grandi pericoli per la neonata democrazia italiana: lo statalismo, per Sturzo, era «il distruttore di ogni ordine istituzionale e morale». Don Luigi parlò di «tre male bestie»: la partitocrazia, lo statalismo e l´abuso di denaro pubblico. Ed ancora, disse di «governi che si servono di aziende speciali, di enti cui conferiscono una somma capitale e privilegi speciali che turbano l´equilibrio degli interessi dei cittadini e la possibilità di sviluppo dell´economia libera». Ed infine, auspicava uno «Stato che facilitasse ed integrasse l´iniziativa privata, non sostituirla al punto di paralizzarne la funzione». Mi auguro che ? conclude Gregni ? i giovani ispicesi si accostino alla politica sulla scorta di uomini, come Sturzo, di immane intelligenza e acume politico».

Le polemiche hanno intriso la nascita del nuovo circolo territoriale. Qualcuno, a quanto pare dei vertici del Mpa, non ha gradito l’intitolazione a Sturzo. Il malcontento scaturisce dal fatto che la nuova realtà politica abbia lo stesso nome di altri circoli del movimento in provincia, che, in questo momento, si trovano in conflitto con la «leadership» modicana.

Gregni non conferma tali voci, anzi, spiega che «i suoi amici, gli aderenti, i simpatizzanti, i vertici provinciali e i colleghi del Mpa saranno al suo fianco per intraprendere questa nuova e difficile avventura».

L’apertura del nuovo circolo fornirà invece ai commissari provinciali del Mpa l’occasione di parlare direttamente all’onorevole Reina. Ieri, Gianni Distefano, Saro Burgio e Pietro Barera avevano infatti sottoscritto un documento sulla vertenza relativa agli scali merci di Ragusa e di Comiso, dove «esprimono solidarietà ai lavoratori di Trenitalia interessati alla vicenda. E dichiarandosi disponibili a sostenere tutte le iniziative che il sindacato vorrà intraprendere per scongiurarne la chiusura e schierandosi a fianco di tutte le imprese e le loro associazioni coinvolte, che dalla chiusura riceveranno un danno economico in conseguenza dell’aggravio dei costi di trasporto già esosi per tutte le imprese ragusane».

Nel documento anticipavano appunto che avrebbero appunto interessato della questione il sottosegretario Reina.