Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 913
ISPICA - 23/08/2008
Politica - Ispica - Botta e risposta tra Pd e Forza Italia

Ispica: Pd contro sindaco Rustico

"Il partito azzurro è da tempo allo sbando" Foto Corrierediragusa.it

Il piano regolatore generale e altre importanti tematiche cittadine diventano rovente pretesto per un vibrato botta e risposta tra Forza Italia, nella fattispecie il sindaco Piero Rustico (nella foto), e il Partito Democratico. Rportiamo a questo proposito il comunicato pervenutoci a firma Pierenzo Muraglie e Giuseppe Roccuzzo, segretario e consigliere comunale del Pd:

"La replica di Fi alle importanti questioni da noi poste come il Piano Regolatore Generale e lo sviluppo economico, l’agricoltura, l’ambulanza medicalizzata, la gestione del servizio di smaltimento dei rifiuti, la riqualificazione della zona 167 è assolutamente privo di valide argomentazioni.

Forza Italia ed i suoi dirigenti anziché rispondere agli interrogativi da noi lanciati sui problemi che paralizzano la città e proporre delle soluzioni concrete preferiscono parlare di Halloween e fantasmi.

Temi di feste carnevalesche che i dirigenti di Forza Italia dimostrano di conoscere bene e che assai poco hanno a che fare con la crisi dell’artigianato locale e del comparto edile in particolare, dell’agricoltura, con l’ambulanza part-time a servizio della città e con il potenziamento delle prestazioni sanitarie più in generale, con il mancato adeguamento del ponte di Santa Maria del Focallo. Temi che a dire dei locali dirigenti di Forza Italia non sarebbero di competenza del Sindaco. E’ legittimo chiedersi di cosa deve occuparsi un Sindaco se non di queste problematiche? Probabilmente la calura estiva ha inciso assai nella redazione del documento forzista.

Distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica ispicese, con feste e festini, dai problemi che la città vive e che il Sindaco Rustico e Forza Italia non riescono a risolvere è l’occupazione primaria dell’attuale amministrazione.

Il documento, sottoscritto non si sa bene da chi, è frutto certamente dei bagordi estivi che hanno visto protagonisti in prima linea i dirigenti di Forza Italia ed il Sindaco Rustico inghiottiti da feste e fuochi d’artificio. Il tutto, ovviamente, finanziato con i soldi dei cittadini ispicesi presi sonoramente per i fondelli dal documento diffuso da Forza Italia.

Nel documento-vergogna di Forza Italia, che legittima il Partito Democratico come l’unico partito di opposizione, non si fa menzione delle dimissioni o licenziamento dell’ex assessore al bilancio Michele Strano, delle dimissioni dell’ex capogruppo di Forza Italia Toni Cuscusa e delle dimissioni di Salvatore Donzello sempre di Forza Italia.

La verità dei fatti è che gli attacchi da noi lanciati hanno aggravato la crisi che lacera Forza Italia, partito di maggioranza relativa che sostiene il Sindaco Rustico e che continua a perdere inesorabilmente pezzi importanti. Forza Italia ha perso le staffe perché non riesce più a controllare un sindaco sempre più autonomo da Innocenzo Leontini. A ciò si aggiunge l’incapacità di programmare per risolvere i problemi della città che grazie a questa maggioranza è entrata in una palude dalla quale non riesce più a uscire. Tutto ciò sta provocando continue e dure prese di posizione all’interno della maggioranza stessa contro soprattutto la gestione finanziaria dell’ente.

Riteniamo che la città abbia la necessaria maturità per capire che i veri fantasmi sono il Sindaco Rustico ed i consiglieri di maggioranza non ancora stanchi del silenzio imposto loro dal primo cittadino.

A Forza Italia, al Sindaco Rustico e al sistema clientelare che ruota intorno, con immenso piacere, lasciamo ironia, fuochi dì artificio, feste e festini. Il Partito Democratico preferisce occuparsi dei problemi delle famiglie, dei giovani e dei comparti produttivi.