Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 990
ISPICA - 08/03/2016
Politica - Rosanna Pandolfi si intesta la proposta

La commissione delle elette in consiglio comunale

Per una civica assise più "rosa" Foto Corrierediragusa.it

«Costituiamo la commissione delle elette in consiglio comunale, prevista dallo Statuto»: la donna protagonista e soggetto attivo, a partire dalla civica assise, dove per la prima volta le elette sono un quinto del consesso. È concreta la proposta avanzata per l’8 marzo, festa delle donne, dal vicesegretario del circolo Kennedy del Partito democratico Rosanna Pandolfi (foto). Quest´ultima sollecita in sostanza il consiglio comunale a costituire la commissione delle elette, prevista dall’articolo 53 dello Statuto comunale. È convinta che «le migliori commemorazioni della festa della donna siano quelle basate sulla concretezza». Spiega Pandolfi: «Grazie alla legge elettorale che impone le pari opportunità di genere, per la prima volta in Consiglio comunale c’è una presenza massiccia di donne (quattro su venti) che voglio ricordare una per una: Stefania Rosa del Pd, Matilde Sessa e Lina Sudano di Libertà e Buongoverno, Francesca Marina di «spica, Punto a capo. E c’è anche Angela Gianì, assessore comunale, eletta in consiglio, che optò per l’incarico in Giunta. La commissione delle elette è costituita appunto dalle elette in consiglio e andrebbe ad occuparsi di questioni attinenti alle pari opportunità, avvalendosi anche della collaborazione di associazioni di donne, movimenti rappresentativi delle realtà sociali, culturali, produttive, sindacali e così via, avanzando proposte ed osservazioni e snellendo anche l´attività dell´amministrazione che potrà consultarla sugli atti da proporre al Consiglio comunale che riguardano la popolazione femminile. Per renderla operativa – conclude Pandolfi – occorre soltanto che il consiglio comunale approvi un piccolo regolamento».
La nuova commissione non comporterebbe spese in più per il Comune.