Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 388
ISPICA - 12/11/2015
Politica - L’opposizione parla di "effetti speciali"

Nulla la delibera su riduzione oneri di urbanizzazione

Sotto accusa la giunta Muraglie Foto Corrierediragusa.it

Quod nullum est, nullum producit effectum: è nulla la delibera che riduce del 35% gli oneri di urbanizzazione. L’opposizione consiliare se ne accorge, tacciando l’ente ispicese di usare «effetti speciali» per camuffare un discutibile modus operandi. Quantomeno è questa la tesi sostenuta dai consiglieri comunali di minoranza Serafino Arena, Gerry Leontini e Massimo Spataro, che parlano di «effetti speciali» nel momento in cui «l’amministrazione comunale convoca il 30 ottobre un consiglio comunale urgente per deliberare i nuovi oneri di urbanizzazione. La maggioranza approva il punto all’ordine del giorno, nonostante il parere contrario degli uffici e del segretario generale, che rileva un errore nella pubblicazione all’albo pretorio, effettuata il 2 novembre, della delibera n. 43 del 30 ottobre 2015 ». Nonostante ciò, denunciano i tre consiglieri, «l’amministrazione ripubblica la delibera il 4 novembre e continua a sbagliare, dimenticando di allegare il relativo certificato di pubblicazione».

«Perseverando ancora – aggiungono – il presidente del consiglio comunale, Giuseppe Roccuzzo, ignorando il termine utile per rideterminare ed adeguare i tributi, le aliquote, le tariffe e le tasse comunali per il 2016, che è scaduto il 30 ottobre, riconvoca illegittimamente il consiglio comunale, chiamato ad esprimersi sull’ennesima delibera, già dichiarata nulla d’ufficio dal segretario generale con nota del 4 novembre 2015 ai sensi dell’art. 6 della legge regionale n. 11/2015». Durante il consiglio comunale, inoltre, i consiglieri di minoranza hanno a loro dire registrato, «per l’ennesima volta, la volontà della maggioranza a non confrontarsi e parecchie domande sono rimaste senza risposta.