Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 982
ISPICA - 27/10/2015
Politica - I 4 mesi della nuova giunta criticati dall’opposizione

"Ispica comune indebitato fino al collo". E le soluzioni?

Il punto di vista del Movimento Civico Cambiamo davvero Ispica e Rinascita Ispicese Foto Corrierediragusa.it

"Il comune di Ispica resta un ente indebitato fino al collo mentre questa amministrazione non affronta le problematiche tangibili e reali, sottraendosi al confronto e al dialogo in base alla forza dei numeri". Non le mandano a dire i componenti del Movimento Civico Cambiamo davvero Ispica per bocca del neo coordinatore Paolo Monaca (al centro nella foto) e del consigliere comunale Massimo Spataro. Sotto la lente d´ingrandimento i primi quattro mesi della nuova amministrazione comunale del sindaco Pierenzo Muraglie alla luce dello stato di dissesto finanziario dell’ente. Il movimento civico Cambiamo davvero Ispica ha indicato come "L’operato della nuova amministrazione comunale non abbia affatto affrontato i veri problemi che attanagliano la città ma abbia solamente prodotto iniziative secondarie con molti annunci e proclami".

«Abbiamo ormai la certezza che l’attuale amministrazione – dice il consigliere comunale Massimo Spataro – stia amministrando facendo finta che il comune non sia in dissesto finanziario: infatti si continuano ad approvare provvedimenti anche senza il parere favorevole dei Revisori dei Conti come accaduto per la Cosap o per l’Imposta di Soggiorno. Tutto ciò rappresenta una gravità rilevante ai fini del risanamento e per una buona e corretta gestione politica-amministrativa del nostro Comune».

«Questi ed altri interrogativi – ha dichiarato il coordinatore Paolo Monaca – attendono risposte e soluzioni da parte dei nostri amministratori che hanno il dovere morale di mettere i conti in ordine per far uscire Ispica dallo stato di dissesto finanziario in cui si trova a causa della vecchia amministrazione. Questo sì che sarebbe un segnale di cambiamento e di discontinuità - ha concluso Monaca - rispetto al recente passato».

Dello stesso avviso la coordinatrice di Rinascita Ispicese Lucia Franzò secondo cui "La maggioranza scricchiola anche su questioni appartenenti al proprio programma elettorale. Sollecitiamo il sindaco e la giunta ad interventi di natura amministrativa e gestionale di spessore anziché sterili comunicati stampa che annunciano sanzioni pesanti (sul decoro urbano) o si appropriano di atti e iniziative la cui paternità appartiene ad altri (nuova carta della qualità della farmacia)".