Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1407
ISPICA - 05/05/2011
Politica - Ispica: ennesima fumata nera sugli argomenti proposti dall’opposizione

Seduta a vuoto del consiglio comunale ad Ispica

I temi proposti riguardavano il «bando fantasma», l’ampliamento del cimitero, la situazione finanziaria del Comune, i disagi degli abitanti in contrada Lanzagallo e il regolamento per lo svolgimento dei referendum comunali

Il Consiglio comunale si riunisce di nuovo a vuoto. Martedì si è registrata l’ennesima fumata nera sugli argomenti proposti dall’opposizione. La maggioranza, per la terza volta, ha disertato l’assemblea e il Partito democratico «urla», richiedendolo, l’intervento della Regione.

I temi proposti riguardavano il «bando fantasma», l’ampliamento del cimitero, la situazione finanziaria del Comune, i disagi degli abitanti in contrada Lanzagallo e il regolamento per lo svolgimento dei referendum comunali.

All’ordine del giorno dell’assemblea, quindi, i medesimi argomenti posti in agenda il mese scorso su richiesta delle opposizioni (Pd e Libertà e buon governo). Queste ultime avevano riproposto di inserire i punti in una nuova riunione del Consiglio nel momento in cui andarono deserte le due convocazioni precedenti. Culminate, peraltro, con l’imbavagliamento e l’occupazione dell’aula consiliare da parte dei consiglieri comunali del Pd, Pierenzo Muraglie e Giuseppe Roccuzzo.

Secondo Muraglie e Roccuzzo «la maggioranza è distratta dai problemi veri della città perché presa, anche, da questioni interne e da strappi che ne minano l’equilibrio, come ha dimostrato nel momento dell’adozione del Piano regolatore generale. Riproponendo la richiesta di convocazione – spiegano – volevamo dare una chance al centrodestra che, invece, ha deciso di perseverare nella chiusura al confronto su problemi concreti. E che, in qualche caso, come l’affare del «bando fantasma» e la situazione finanziaria del Comune, mettono in difficoltà la maggioranza e l’amministrazione comunale. Mentre, per l’ampliamento del cimitero, crediamo che la ventilata ipotesi di affidarne la gestione ad una società privata possa avere il suo ruolo nella colpevole disattenzione verso i problemi derivanti dalla mancanza di suoli e di loculi».

Per questi motivi, i consiglieri democratici ritengono «inevitabile un esposto alla Regione, in modo tale attivi i suoi poteri sostitutivi nei confronti di un’amministrazione comunale inadempiente su larga scala, buona solo a sperperare denaro pubblico».