Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 830
COMISO - 05/06/2010
Politica - Comiso: nel corso della partecipata assemblea dei quadri del partito

Comiso, Bellassai rieletto all’unanimità segretario Pd

Il segretario lancia la sfida: «Dopo gli errori abbiamo rimesso in piedi un grande partito che lancia la sfida a questa amministrazione che governa una città abbandonaa, trascurata e in ginocchio dal punto di vista economico-sociale»
Foto CorrierediRagusa.it

Gigi Bellassai (nella foto) è stato riconfermato segretario cittadino del Pd. La riconferma è avvenuta all’unanimità, essendo candidato unico, con sole tre schede bianche su cinquanta votanti. Analogo risultato ha ottenuto il riconfermato tesoriere Riccardo Saini. Durante la riunione, presieduta dal preside Enzo Cannata, sono intervenuti fra gli altri il segretario provinciale Salvo Zago, il parlamentare Giuseppe Digiacomo il responsabile dei giovani democratici Biagio Guastella.

«Negli scorsi due anni – ha dichiarato Gigi Bellassai, ringraziando la segreteria uscente, il gruppo consiliare e tutti i dirigenti per il sostegno e l’affetto dimostrato – dopo la mancata vittoria alle amministrative e le riflessioni sugli errori commessi, abbiamo rimesso in piedi un grande partito, fra i più forti e organizzati della Sicilia, rappresentando con le nostre battaglie di opposizione la voglia di cambiamento in questa città. Adesso la nostra responsabilità sarà quella di rafforzarlo, radicarlo e renderlo più aperto e inclusivo, un luogo di elaborazione politica, di militanza e di impegno a cui ognuno, da protagonista, potrà dedicare una parte del proprio tempo, prendendosi cura dei problemi delle persone. Per Comiso, perché la città è abbandonata, trascurata, cupa e in ginocchio dal punto di vista economico e sociale».