Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1098
COMISO - 05/09/2009
Politica - Comiso: lo strumento finanziario è stato approvato dal consiglio comunale

Il comune di Comiso si è dotato del bilancio 2009-2010

Ha votato a favore solo la maggioranza compatta. Pollice verso dell’opposizione

Comiso si è finalmente dotato dello strumento finanziario 2009-2010. Il bilancio del comune è stato approvato in consiglio comunale, ma è passato solo con i voti della maggioranza. L’opposizione ha votato contro.

Fino alla prima convocazione del civico consesso, alcune nuvole si addensavano tra gli scanni di maggioranza. Pare che tre consiglieri su 12, non fossero ancora del tutto decisi a varare lo strumento finanziario. Ma dietro le quinte qualcosa è cambiato perché in seconda convocazione, tutti i rappresentanti del Pdl, dell’ Udc, del Pd e della lista La Torre si sono «pacificamente» seduti ai loro posti. Tra i banchi dell’opposizione invece presenti solo 4 consiglieri su 8. I punti all’ordine del giorno sono stati dunque approvati tutti dalla maggioranza, compreso il più importante che concerneva, per l´appunto, l’approvazione del bilancio.

Durante le scorse settimane, sono stati incalzanti i botta e risposta a suon di comunicati tra l’amministrazione comunale e l’opposizione di centro sinistra che ha ribadito più volte che il nuovo strumento finanziario era «acefalo» e che avrebbe ingessato tutta l’attività amministrativa futura. La maggioranza comunque, ha bocciato tutti gli emendamenti proposti dal PD. «Il parere non favorevole espresso dall’ufficio Ragioneria e dal Collegio dei Revisori dei Conti – ha dichiarato l’assessore alle finanze Raffaele Puglisi- alla proposta di emendamento al bilancio 2009 presentato dal Partito Democratico dimostra la superficialità con cui l’opposizione operi sullo strumento finanziario».