Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 658
COMISO - 10/06/2009
Politica - Comiso: ore di dibattito sui precari, ma l’accordo non si trova

Comiso, scontro sui precari licenziati. Bocciata mozione Pd

Zago aveva chiesto la sospensione dei licenziamenti. Alfano dice no: «Non abbiamo soldi per mantenerli, il precariato sparirà. Stabilizzerò gli Asu, che ne hanno diritto»

Un Consiglio dedicato al precariato, con scontro ideologico e strategico tra maggioranza ed opposizione. Alla fine le parti rimangono nelle loro posizioni, perché il Pd presenta una mozione di proroga dei contratti e il sindaco Alfano rigetta la richiesta.

La convocazione era stata avanzata dal gruppo consiliare del Pd alla luce dei mancati rinnovi contrattuali dei circa 180 precari contrattisti. Salvo Zago, facendo riferimento alle dichiarazioni di Leanza e Cascio all’Ars («i precari non possono essere abbandonati al loro destino»), ha chiesto all’amministrazione «una moratoria, una sospensione di tutti i provvedimenti di licenziamento ed una proroga dei contratti fino al 31 dicembre del 2009, poiché è nelle intensioni del governo regionale, stanziare ulteriori finanziamenti agli enti locali per procedere alla stabilizzazione».

Di diverso avviso il sindaco Giuseppe Alfano: «Il precariato a Comiso sparirà, perché saranno stabilizzati i lavoratori che hanno i requisiti, solo attraverso concorsi pubblici e in base alle reali necessità dell’ ente. Assumeremo le figure che servono attraverso i concorsi perché tutti devono avere la possibilità di accedere alla pubblica amministrazione. Non chiedetemi nessuna proroga perché non è possibile: non ci sono risorse. Ad oggi, non abbiamo sentito la mancanza dei contrattisti, tranne di qualcuno che sa davvero lavorare e produrre per la città. Il mio principale obiettivo è quello di stabilizzare gli ex ASU che ne hanno realmente diritto».

Alla fine il gruppo consiliare di opposizione ha proposto una mozione con la quale si chiede la proroga contrattuale fino al 31 dicembre 2009, di procedere con la massima urgenza alla predisposizione del regolamento apposito per le procedure di stabilizzazione, di verificare la possibilità dell’ampliamento della pianta organica e di istituire un tavolo tecnico per il sostegno dell’occupazione. La mozione è stata votata solo dai consiglieri di opposizione.