Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 871
COMISO - 15/04/2009
Politica - Comiso: scossa politica in vista nell’amministrazione

La lista del Cuore porta l´Mpa al governo di Comiso?

L’assessore Zisa e il consigliere Gaetano Cottonaro sposano la politica autonomista

Va’ dove ti porta il cuore, direbbe qualcuno. E nei fatti a lista del Cuore di Comiso va proprio verso l’Mpa. Era già nell’aria a Comiso, qualche movimento di assestamento nella compagine politica di maggioranza (PDL, UDC, Lista La Torre, Lista del Cuore).

Proprio la lista del Cuore, che ha come rappresentante in giunta l’assessore Michele Zisa e il consigliere comunale Gaetano Cottonaro, era quella che «agitava le acque». Nelle ultime settimane, infatti, i membri della lista civica hanno incontrato alcuni soggetti vicini al governatore della Sicilia, Raffaele Lombardo. Una lista che riesce a portare più di mille voti non può restare un’entità fantasma nel quadro politico, ma assumere dei connotati più marcati.

Fino a qualche giorno fa è stato tutto ammantato dal velo del silenzio e delle categoriche smentite in merito ad un eventuale transito nel partito di Lombardo. Ma non poteva essere diversamente, poiché il 26 aprile si celebrerà il primo congresso cittadino che sancirà il passaggio da lista civica al partito: PdC, partito del cuore.

Lo scorso fine settimana l’assessore Zisa si è ritrovato a Catania ad una convention di Raffaele Lombardo, dove sembra sia stato concordato tutto. Zisa non smentisce e non conferma: «Noi siamo interessati alla politica che ci circonda – dichiara- stiamo molto attenti a quello che accade a 360 gradi, ma siamo ancora più attenti, a quella politica che fa gli interessi del territorio sia a livello locale e provinciale, sia a livello regionale. Siamo in ascolto».