Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 842
COMISO - 14/12/2008
Politica - Comiso - Un boom di presenze all’ultima riunione

Comiso: il Pd risorge dalla crisi?

Bene la campagna tesseramenti. Critiche alla giunta Alfano Foto Corrierediragusa.it

Il Pd rinasce dalle ceneri? Dopo i mesi di confusione e di delusione post elettorale che, certamente non è sfuggita agli occhi della città, il partito ricomincia a fare quadrato attorno alle tematiche ed ai problemi legati alla città.

Si è tenuto nella sede della sezione Pio LaTorre di Comiso, una riunione di iscritti e simpatizzanti. All’ordine del giorno, il tesseramento che volge alla conclusione, ed i problemi legati alla giunta Alfano che, secondo gli esponenti del Pd, dopo più di sei mesi dall’insediamento, è ancora in fase di stallo davanti alle pressanti scadenze che riguardano i lavoratori precari, i dipendenti delle coop sociali, servizi ancora inattivi da dopo le elezioni, opere pubbliche ferme da 6 mesi.

Per quanto riguarda i tesseramenti, il dato è rilevante poiché i numeri non solo riconfermano le adesioni passate, ma pare che siano in aumento rispetto all’anno scorso. Per Pippo Digiacomo, coordinatore provinciale del Pd, in provincia di Ragusa la tenuta del partito è ottima e lo dimostrano i nuovi tesseramenti. Anche per Bellassai, segretario cittadino a Comiso, c’è un riavvicinamento ed un avvicinamento di molte persone e soprattutto di molti giovani.

Salvatore Zago, capogruppo consiliare del Pd, ha trattato l’argomento più scottante oltre a quelli concernenti i servizi disattivi, che riguarda l’ospedale Regina Margherita che secondo l’ex deputato regionale, non ha formalmente chiuso i battenti, ma che nei fatti non è operativo poiché basti pensare che in caso di emergenza notturna, non è operativo nemmeno il reparto di analisi e che quindi, si deve obbligatoriamente andare a Vittoria.

«I giovani stanno cominciando a rendersi conto - ha concluso Biagio Guastella dei giovani democratici - che la città è ferma, che tutto ciò che la passata amministrazione stava cantierando per i giovani è lettera morta. La piscina è ancora chiusa, i campetti di calcetto sono stati chiusi, l’officina giovani è un contenitore senza contenuto. «

Negli ultimi sei mesi comunque, non si era registrato un così elevato numero di presenze nelle riunioni del Pd comisano, tale da non consentire a molti di potere entrare nella sezione.