Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Luglio 2018 - Aggiornato alle 0:59
COMISO - 16/11/2017
Politica - Tocca ora all’ente apportare le modifiche

Comiso ha il suo nuovo Piano regolatore generale

Soddisfatti il sindaco Spataro e il presidente del consiglio comunale Bellassai Foto Corrierediragusa.it

Comiso ha il nuovo Piano regolatore. Sono passati undici anni e ci sono volute tre amministrazioni per arrivare al decreto 179 con il quale il direttore generale dell’assessorato regionale al Territorio ha approvato lo strumento urbanistico. L´ultimo atto era stato del Consiglio comunale lo scorso 14 ottobre che aveva formulato le controdeduzioni al voto del Cru e le positive valutazioni dello stesso Comitato Regionale per l´Urbanistica che ha approvato integralmente le controdeduzioni proposte dal Consiglio Comunale. Tocca ora all’ente apportare nel più breve tempo possibile le modifiche e le correzioni agli elaborati di piano che discendono dal Decreto Regionale, affinché per gli uffici e per l´utenza risulti un testo definitivo e completo. La soddisfazione dell’amministrazione è stata espressa dal sindaco Filippo Spataro e dal presidente del consiglio comunale Gigi Bellassai (foto), che vedono chiudere in modo compiuto un iter complesso che ha comportato approfondimenti e verifiche. Il Decreto assessoriale ha poi accolto, dal punto di vista tecnico la necessità di prevedere nelle zone agricole una vocazione residenziale vicine all’abitato.

Sono state inoltre integrate le Norme Tecniche di Attuazione con quelle del Piano Commerciale e precisate le specifiche relative alle aree a rischio idrogeologico e i vincoli Aeroportuali Enac che saranno aggiornati appena esecutivi. Per quanto attiene le osservazioni il Cru, ha aderito perfettamente alle decisioni del Consiglio Comunale di Comiso assunte lo scorso 24 luglio 2015. "Il nuovo Prg perequato di Comiso, corretto, ottimizzato, e depurato dagli errori con le oltre 167 Osservazioni/Opposizioni – hanno spiegato Spataro e Bellassai, con quest´ultimo che ha seguito con grande cura l´iter del provvedimento – grazie ad una virtuosa mediazione tra maggioranza e opposizione, è una realtà. Il Decreto Regionale rende parte integrante del provvedimento tutte le delibere Consiliari prodotte dall´attuale Consiglio Comunale, evidenziando, il ruolo propulsivo e determinate dell´attuale Amministrazione Comunale nella definizione rigorosa dell´articolatissima procedura valutativa, correttiva e deliberativa del Prg.

Questo strumento urbanistico sarà una formidabile leva di sviluppo locale perché è ecologico, con consumo di suolo zero, con la valorizzazione del centro storico e con la tutela delle dei valori ambientali, equo in quanto applica il principio di perequazione (uno dei pochi casi in Sicilia) che garantisce una giustizia fondiaria dando la possibilità ad ogni cittadino di veder garantito il diritto di edificare, sostenibile perché consente la realizzazione dei servizi di standard in un rapporto pubblico-privato e contemporaneo perchè risponde alle esigenze normative e programmatorie di un territorio in evoluzione e presto diverrà un significativo attrattore d´investimenti".