Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 1203
COMISO - 05/02/2016
Politica - Il documento urbanistico deve passare al vaglio dell’organismo tecnico

Piano regolatore Comiso a Palermo per approvazione

Soddisfatti sindaco e presidente del Consiglio comunale. Risposta attesa entro 270 giorni Foto Corrierediragusa.it

E´ stato depositato a Palermo presso l´assessorato regionale al Territorio e Ambiente il nuovo Piano Regolatore Generale della città. Lo strumento urbanistico passa ora al vaglio degli organismi regionali per la sua approvazione dopo il controllo formale e di merito tecnico. A queste due prime fasi ne seguirà una terza che concerne il controllo delle osservazioni che sono state avanzate al Prg. L´iter burocratico previsto dalla legge prevede poi l´audizione a Palermo da parte del Cru, Comitato regionale urbanistica, dell´Amministrazione comunale. Concluse positivamente queste quattro fasi, potrà essere predisposto e firmato il relativo decreto per l´approvazione dello strumento urbanistico.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Filippo Spataro e dal presidente del Consiglio comunale Luigi Bellassai (foto) a conclusione degli adempimenti previsti a carico del Comune: "A parte il comprensibile compiacimento reciproco per questo importante traguardo, la parola sul Prg di Comiso passa ora alla Regione siciliana che, entro un massimo di 270 giorni, dovrà pronunciarsi. Il nuovo Prg è molto atteso in città. Giunta municipale e Consiglio comunale hanno lavorato con impegno e serietà, interloquendo positivamente coi privati, per arrivare ad approntare uno strumento urbanistico che possa incarnare nel contempo sviluppo sostenibile e modernizzazione della città nell´ottica di una produzione di effetti positivi in termini di lavoro e dunque di occupazione. Nel contempo si migliora la qualità complessiva del benessere umano e di relazione».