Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 616
COMISO - 25/06/2008
Politica - Comiso - La solenne e sobria cerimonia

Il neo sindaco Giuseppe Alfano si è insediato al comune

Applaudito da centinaia di amici e simpatizzanti Foto Corrierediragusa.it

Comiso, martedì 24 marzo ore 17.30. Arriva spaccando il minuto davanti al portone principale del comune di Comiso il nuovo sindaco Giuseppe Alfano (nella foto). Applaudito da centinaia di amici e simpatizzanti saluta tutti e sale le scale che lo conducono a quello che da oggi è il suo ufficio.

Alfano, subito dopo ha incontrato la stampa per il suo insediamento ufficiale, preceduto dall’intervento del commissario straordinario Angelo Moceri.

Moceri ha ringraziato tutti i dirigenti dello staff del sindaco che, durante il suo mandato lo hanno fattivamente e positivamente collaborato. Nel suo discorso il commissario ha dichiarato: « ringrazio tutti davvero di cuore, perché senza il loro aiuto, il mio lavoro sarebbe stato molto più arduo. Li ringrazio per l’accoglienza e la collaborazione prestatami in queste settimane durante le quali ho potuto conoscere la realtà di questo paese e di questo comune dove si trovano davvero tante risorse umane molto valide.»

Subito dopo, un caloroso abbraccio con il neo sindaco che ha subito preso la parola, tradendo una forte emozione. Alfano, dopo avere ringraziato tutti i suoi sostenitori, i suoi candidati e la città tutta, sia quella che lo ha votato, sia quella che non lo ha votato, ha dichiarato: «Dopo 14 anni, torno in questo comune come primo cittadino ed è una emozione difficile da esprimere e che non si prova tutti i giorni.

Già da ieri ho dovuto affrontare i primi problemi che una città come questa presenta, ed in un primo momento ho temuto di non essere all’altezza. Ma poi, man mano che le cose si affrontano, ci si rende conto che ce la puoi fare cercando di risolvere ogni cosa nel modo giusto. Io mi auguro e vi auguro che Comiso diventi la città che abbiamo sognato e sperato. Collaborerò con tutti coloro che vorranno dare un contributo, senza guardare al colore politico. Solo così potrà iniziare un percorso che ci darà tutta un’altra Comiso.»

Dopo un lungo applauso, il nuovo sindaco ha aperto una simbolica bottiglia di spumante per festeggiare il suo insediamento.

Adesso un grande lavoro lo aspetta, ma soprattutto la responsabilità di realizzare tutto ciò che ha garantito alla città.