Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 614
COMISO - 09/11/2014
Politica - La Regione ha revocato tutto a fronte del silenzio del comune casmeneo

Comiso perde oltre 2 milioni e mezzo

Erano stati concessi altri 15 giorni di tempo ma nulla è stato fatto per non perdere i soldi Foto Corrierediragusa.it

Comiso ha perso un finanziamento regionale di oltre 2 milioni e mezzo: lo rende noto Antonino Sisto, del coordinamento provinciale di Ragusa Fratelli d´Italia An. "Con decreto n. 1043 del 16/05/2014 - scrive Sisto - la Regione Siciliana revoca al comune di Comiso un finanziamento giá concesso di 2 milioni e 624 mila euro, ovvero soldi destinati alla riqualificazione del territorio e quindi al comparto edilizio, che vive oggi una crisi senza precedenti. La regione - prosegue la nota - dava 15 giorni di tempo (nota n. 7089 del 17/02/2014) per integrare la documentazione ed evitare la revoca, ma il comune di Comiso non si è degnato di rispondere e così la Regione Siciliana ha reso definitiva la suddetta revoca. Ad essa ci si poteva ancora opporre ricorrendo al Tar o con ricorso straordinario al Presidente della Regione. Noi di Fratelli D´Italia ci chiediamo: perchè l´on Pippo Digiacomo non ha operato all´interno della sua maggioranza in regione e di concerto con l´amministrazione comunale, per ovviare alle cause che hanno portato alla perdita del finanziamento?

Purtroppo nessuna azione politica di tal nome è giunta alle nostre orecchie.
Ci resta solo di attendere la voce del sindaco di Comiso, Filippo Spataro, per vedere come, e se, si è adoperato legalmente per cercare di recuperare una così ingente somma, e soprattutto - conclude Sisto - perché non si è attivato entro i 15 giorni di tempo, precedentemente previsti, per la trasmissione degli atti del progetto definitivo".

Nella foto il municipio