Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 775
COMISO - 05/05/2008
Politica - Comiso - Il candidato sindaco del centro sinistra pensa al problema

Comiso: Bellassai sul tema della sicurezza

"I cittadini devono sentirsi sicuri nella loro città" Foto Corrierediragusa.it

Il problema della sicurezza è uno temi più discussi e sentiti nell’ambito del dibattito politico di questi giorni, in vista delle prossime amministrative del 15 e 16 giugno, tema molto caro al centrosinistra.

«Concordo sul fatto che i nostri cittadini debbano sentirsi sicuri nella propria città - dichiara il Candidato sindaco del centro sinistra Luigi Bellassai (nella foto) - però le dichiarazioni rilasciate dal mio avversario della destra sui giornali locali rischiano di suscitare falsi ed eccessivi allarmismi fra la gente, dando un immagine distorta della realtà . Risulta evidente ? continua Bellassai ? che Alfano fa leva sulle paure dei cittadini e le sue dichiarazioni non sono altro che il frutto di una insensata cultura del sospetto propria dell’ideologia della destra.

La video sorveglianza è un impegno che abbiamo preso mesi fa in seguito al confronto avuto con cittadini e commercianti, durante la nostra Campagna d’ascolto e sul quale la precedente amministrazione ha già un progetto. La necessità di ricorrere a questo tipo di tecnologia dunque non è una novità, inoltre occorre ricordare che in materia di sicurezza abbiamo potenziato il servizio della polizia municipale e della protezione civile di Comiso e Pedalino.

L’Amministrazione uscente si è impegnata notevolmente e ha lavorato in modo costante e concreto insieme al comando dei carabinieri, rendendo possibile la creazione della nuova caserma in via Leonardo Sciascia. Siamo impegnati da anni anche attraverso la predisposizione di un progetto per la realizzazione della caserma dei carabinieri a Pedalino, un atto che attende il via libera dal Comando generale dell’arma dei carabinieri a cui è deputato per legge il compito di costruire tale struttura.

La sicurezza è un problema da non sottovalutare, e noi in tutti questi anni non lo abbiamo mai fatto, ma seminare il panico non farebbe altro che alimentare una paura già esistente e non permetterebbe quel rapporto di collaborazione e fiducia tra amministrazione e cittadini necessaria per rendere la città di Comiso più sicura e vivibile, obiettivo per il quale noi ci impegniamo a lavorare. Necessita ribadire che proseguiremo nello sforzo, attuato già in questi anni, di coordinamento di tutte le forze dell’ordine nell’azione di prevenzione e repressione della microcriminalità, sviluppato attraverso il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato più volte dal prefetto su richiesta Sindaco circa le problematiche relative a Comiso e Pedalino.

C’è stato e ci sarà - conclude Bellassai - un profondo lavoro per l’affermazione e lo sviluppo della cultura della legalità attraverso iniziative che coinvolgono il mondo giovanile in merito alle problematiche del bullismo, la cultura del razzismo, la violenza personale. Occorre partire dai giovani per la costruzione di una nuova cultura e società che guarda al futuro. Sapendo che la cultura è il primo baluardo contro la violenza».