Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 603
COMISO - 29/04/2008
Politica - Comiso - Somme attinte dai fondi comunitari

Comiso: Pioggia di euro per lo sviluppo

Soddisfazione del candidato sindaco del Pd Gigi Bellassai Foto Corrierediragusa.it

Il Comune di Comiso in sinergia con i comuni del comprensorio ipparino riesce ancora una volta a catalizzare finanziamenti provenienti dai fondi comunitari. Dichiara il candidato a sindaco Gigi Bellassai: «Sono stati destinati 200mila euro alla premialità del PIOS 20 «Valle dell’Ippari», (Pacchetto Integrato di Operazioni Strategiche) dei comuni del comprensorio ipparino: Acate, Comiso, S.Croce Camerina, Vittoria che comprendeva otto interventi, ed è stato, anche, finanziato il Consorzio«Valle dell’Ippari», 125mila euro.

Un validissimo strumento di sviluppo territoriale capace di aggredire i bandi comunitari. Il consorzio rappresenta la mia visione per una prospettiva di sviluppo, uno strumento che una efficiente amministrazione deve saper sfruttare per catalizzare più risorse possibili verso il territorio.

Sono particolarmente fiero del lavoro che siamo riusciti a fare con gli altri comuni, il Consorzio è il risultato di questa sintesi che noi abbiamo fortemente voluto e promosso. L’aspetto fondamentale è la necessità di fare sistema, la costruzione di un network tra i soggetti coinvolti e la creazione di occasioni di dialogo per attuare la governance locale.

Il Consorzio vuole essere un sistema capace di garantire una gamma più completa di servizi ed un miglioramento della capacità degli attori di rispondere adeguatamente alle esigenze del territorio, con lo scopo di provvedere in modo più efficace alle necessità tramite un processo di condivisione tra tutti gli stakeholder, tutti i soggetti portatori di interesse al fine di raggiungere obiettivi comuni, univoci, che ci permettano di diventare, una macroarea che si confronta con altre macroaree».