Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 798
COMISO - 17/04/2008
Politica - Comiso - An in primis con la candidatura di Alfano a sindaco

Comiso: Il Pdl gongola e rilancia

Ma anche il Pd ha tenuto piuttosto bene Foto Corrierediragusa.it

Il Pdl a Comiso, festeggia ancora la vittoria. Soprattutto An che vede anche la candidatura di Giuseppe Alfano (nella foto) a sindaco della città. Il segretario del partito, Salvatore Angelieri, ha dichiarato che Comiso, si è finalmente allontanata dalla sinistra, e dalla coalizione che governa la città, o per lo meno, che la ha governata per dieci anni.

Angelieri ha anche affermato che oggi, anche a Comiso c’è una chiara maggioranza di destra. Salvatore Angelieri ha anche messo in discussione il risultato elettorale di Pippo Digiacomo, neo deputato regionale del PD, ed ex sindaco di Comiso, mettendo in evidenza il netto stacco di preferenze ottenute da Digiacomo, in negativo, rispetto ai consensi ottenuti dall’ onorevole Salvo Zago in passato.

Secondo il segretario comisano di An, le preferenze accreditate a Digiacomo sono molto poche considerato che lo stesso, ha amministrato la città negli ultimi dieci anni.

Intanto i conti si fanno anche in casa Pd. Il dato che è emerso senza ombra di dubbio, è che il partito democratico ibleo ha tenuto ed ha tenuto bene. Infatti, come voti di lista pare sia secondo solo ad Enna. In provincia di Ragusa, il Pd ha riportato 42.000 voti, contro i 14.000 dell’ Mpa. Nell’analisi di voto fatta dal coordinatore provinciale del Pd e neo deputato, Pippo Digiacomo, l’ Mpa ha poco di che vantare visto che un politico come Riccardo Minardo, due volte senatore della Repubblica, ha racimolato poco più di 5000 voti in provincia.

Ma tra vittorie evidenti e ripescaggi, pare si solleveranno venti di bufera nelle coalizioni di centro destra e centro sinistra. I soliti resoconti post elettorali, incombono sugli schieramenti che stanno procedendo alle rispettive verifiche laddove si presume ci siano stati dei « buchi neri».