Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 357
COMISO - 08/06/2013
Politica - Nella città casmenea 25.971 elettori, ad Acate 7.067 votano con il maggioritario

Comiso: scontro tra Alfano e Spataro

Ad Acate cinque candidati. Peserà il voto degli immigrati e delle cerchie familiari più o meno estese Foto Corrierediragusa.it

Si gioca sul duello Alfano-Spataro la corsa alla sindacatura con altri quattro candidati a fare da incomodo. Il ruolo degli outsider, Carmelo Sallemi con «Comiso Riparte», Elena Insacco con la civica «Per il futuro di Comiso», Giovanni Tummino con «I Kasmenei» ed Eugenio Bonifacio del M5S, è tutto da valutare nell’impatto con lo scontro con i due big. Peppe Alfano, candidato del Pdl ed altre due civiche, ha perso qualche pezzo strada facendo come Giancarlo Cugnata, Silvio Meli e Raffaele Puglisi ma le sue quotazioni sono date in ascesa non fosse altro perché il sindaco uscente ha messo a segno il «colpo» dell’inaugurazione dell’aeroporto proprio in dirittura d’arrivo.

Su Alfano pesa tuttavia la ferita del dissesto finanziario che è stato uno dei temi più accessi della campagna elettorale. Alfano ha messo in campo anche la sua esperienza di amministratore negli accessi confronti avuti con gli avversari, tra cui l’ultimo molto partecipato nel cortile della pinacoteca comunale. Filippo Spataro è forte di ben cinque liste con simboli forti come Pd, la storica lista Spiga, Territorio ed Udc. Uno schieramento che abbraccia tutta l’area del centro sinistra per un candidato agguerrito con sponsor importanti come Pippo Digiacomo e Salvo Zago. Spataro conta soprattutto sui cento candidati delle sue liste per scalzare Alfano ed ha impostato la sua campagna elettorale sulla necessità della discontinuità.

A Comiso si elegge anche il consiglio circoscrizionale di Pedalino per il quale sono candidati Daniele Montevergine e Cettina Linfanti. Gli elettori sono in tutto 25.971; le sezioni 31. (Nella foto il municipio di Comiso)

IL VOTO AD ACATE
Cinque candidati in lizza per la successione a Giovanni Caruso. Il voto appare molto equilibrato e sull’esito peseranno alla fine legami e cerchie più o meno ampie di famiglia e parenti. Altro elemento è il voto degli immigrati che saranno chiamati in buon numero alle urne. Il sindaco sarà eletto con il sistema maggioritario e non si andrà pertanto al ballottaggio; per vincere basterà conquistare un voto più degli altri competitors. Vito Cultrera è il più giovane candidato, appena 30 ani, e corre per il M5S, Francesco Raffo è il più anziano, 63 anni, è stato già amministratore e scende in campo con la lista «Uniamo Acate», Giovanni Di Natale è candidato per «Nuova Biscari», Giuseppe Monello per «Acatemia» e Giovanni Iacono per « Gianni Iacono sindaco».