Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 690
COMISO - 26/03/2008
Politica - Comiso - Quando il destino ci mette lo zampino...

Comiso: Digiacomo candidato infuocato?

Forse l’ex sindaco è un segno di fuoco? Foto Corrierediragusa.it

Non so se alcuni di voi ne hanno memoria, ma questa è la seconda volta che, essendo Pippo Digiacomo (nella foto) ex sindaco di Comiso, candidato, scoppia un incendio. E non in senso metaforico, o figurato, ma reale. Forse Digiacomo è un segno di fuoco. Nel 2003, a pochi giorni di distanza dalle elezioni amministrative, dove si candidava per la seconda volta, Digiacomo vide sotto i suoi occhi andare in fumo, una delle più importanti strutture sportive che era in dirittura d’arrivo: il PalaRoma. L’incendio scoppiò verso le 16.00 ed in pochi minuti, distrusse completamente tutto il soffitto ligneo a forma di cupola.

Sarebbe stato inaugurato di lì a poco. Le indagini cominciarono immediatamente, e si arrivò alla conclusione che, forse, la causa era stata una cicca di sigaretta ancora accesa. L’intervento dei pompieri purtroppo, sebbene tempestivo, non fermò le fiamme. Adesso si attende che il tribunale sblocchi l’iter per riaffidare l’appalto ad una nuova ditta, tramite gara d’appalto. E con la stessa impietosità, a poche settimane dal voto per le regionali, alle quali è candidato sta volta lo stesso Digiacomo, il destino si abbatte sull’aeroporto di Comiso?e di nuovo divampano le fiamme.

Vero è che le fiamme delle polemiche, impazzano sul Pio La Torre, da circa 10 anni, poiché nessuno avrebbe scommesso sulla sua vera realizzazione, soprattutto una certa area politica, ma ora le fiamme sono proprio reali. Ma questa volta, la motivazione è anch’essa reale. Si è trattato di un tentato furto di cavi elettrici, ma non nella struttura aeroportuale come qualcuno, ha immediatamente detto o scritto, ma nella adiacente zona militare che appartiene ancora agli U.S.A. Quindi, spiacenti per alcuni trionfalistici toni che davano l’aeroporto per quasi spacciato nei prossimi mesi,ma la struttura del Pio LaTorre, non è stata nemmeno sfiorata.

Spente queste di fiamme, ne restano comunque alcuni focolai, per quanto riguarda i tempi di apertura. C’è chi non crede che il LaTorre sarà inaugurato il 30 di aprile, c’è chi invece ne auspica l’apertura nei tempi previsti, e c’è chi sostiene che forse ci sarà uno slittamento di poche settimane.