Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 592
COMISO - 26/06/2012
Politica - Il risultato del congresso cittadino

Giovanni Digiacomo nuovo segretario cittadino Udc

Il suo vice è Giovanni Tribastone, attualmente presidente del consiglio di circoscrizione di Pedalino Foto Corrierediragusa.it

L’Udc locale prende atto ufficialmente che all’interno del partito comisano, ci sono due correnti. Questo il risultato del congresso cittadino tenutosi domenica a Comiso. Gli udicini, si sono infatti presentati con due mozioni: una rappresentata da Giovanni Digiacomo (foto), ex assessore provinciale, che sosteneva la necessità di fuoriuscire dalla giunta Alfano, e dare, eventualmente, appoggio esterno. L’altra, rappresentata dall’attuale assessore comunale, Roberto Cassibba che invece sosteneva di restare in giunta.

Alla fine della votazione, ha vinto a maggioranza la mozione di Digiacomo, che tra l’altro è stato eletto nuovo segretario cittadino. Il suo vice è Giovanni Tribastone, attualmente presidente del consiglio di circoscrizione di Pedalino, frazione di Comiso. Pare non siano mancati momenti di dibattito animato, soprattutto nel tentativo di mediare le due posizioni, ma la mozione prioritaria, chiede fortemente la fuoriuscita dalla giunta casmenea. A questo punto, lo scenario che si presenta potrebbe vedere l’assessore Cassibba presente tra gli amministratori locali, a titolo personale, come a titolo personale, farebbe il consigliere, Alessandro Guastella.

Dall’altro lato, è poco chiaro il modo in cui la mozione di Digiacomo dovrebbe dare appoggio esterno alla giunta, se i rappresentanti udicini sono lì a titolo personale. Il risultato del congresso comunque, dovrà passare dal vaglio dell’onorevole Orazio Ragusa che, dopo avere preso atto, dovrà cercare una mediazione che mantenga unito il partito.