Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 21 Giugno 2018 - Aggiornato alle 15:11
COMISO - 07/03/2012
Politica - Momento nero per il comune casmeneo

Comiso: passa in consiglio aumento tasse. Udc spaccato

Su 15 consiglieri comunali presenti in aula, 8 tra Pdl ed Udc hanno votato favorevolmente l’atto che da oggi, diventa irreversibile
Foto CorrierediRagusa.it

Passa in consiglio comunale l’aumento degli introiti comunali propri. I cittadini pagheranno le aliquote sulle tasse ai massimi previsti, per i prossimi 5 anni. Su 15 consiglieri comunali presenti in aula, 8 tra Pdl ed Udc hanno votato favorevolmente l’atto che da oggi, diventa irreversibile. Gli altri 7, tra Pd e lista LaTorre, hanno votato sfavorevolmente. Dei due consiglieri dell’Udc, uno ha abbandonato l’aula, l’altro ha votato a favore. Assenti Salvatore Cavalieri di Grande Sud, Gaetano Cottonaro di Progresso Sud, Ivana Latino e Marco Salafia del Pd. Diversi gli interventi, soprattutto dei consiglieri di opposizione, che hanno ribadito la necessità di dimissioni del sindaco Alfano.

Puglisi della lista LaTorre ha spiegato che non è stato portato in consiglio alcun progetto sui tagli alle spese, su altri introiti diversi dalla massima tassazione e che ad oggi, nessuno sa quanti siano i debiti fuori bilancio del comune, quanti i residui attivi e passivi. Dalla riunione del civico consesso, è emersa anche un’altra realtà: l’ Udc è ufficialmente spaccato. Il consigliere Giuseppe Digiacomo, vicepresidente del consiglio in quota Udc, ha dichiarato a nome del partito, di non condividere questi aumenti ed ha abbandonato l’aula al momento del voto.

L’altro, Alessandro Guastella, sempre in quota Udc, ha dichiarato a nome del gruppo consiliare, di votare favorevolmente la delibera di aumento delle tasse. Non è stato ben chiaro infatti, chi alla fine, ha espresso una posizione ufficiale per conto del partito di Casini. A conti fatti, nei mesi a venire, tra le tasse del governo Monti e le tasse dell’amministrazione Alfano, i cittadini pagheranno mediamente un carico fiscale annuo di circa 3mila euro.