Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1579
COMISO - 29/02/2012
Politica - Si annunciano venti di guerra in consiglio comunale

Aumenti tasse a Comiso, Puglisi non vota la delibera

Assieme a Puglisi anche i consiglieri del Pd

Si annunciano venti di guerra in consiglio comunale per l´approvazione degli aumenti delle tasse, dopo il dissesto. Pasquale Puglisi della lista La Torre non voterà la delibera. Assieme a Puglisi anche i consiglieri del Pd che già qualche giorno fa avevano detto a chiare lettere di non volere essere complici «del macello sociale ed economico» che Alfano e la sua giunta stanno per porre in essere a danno dei cittadini di Comiso.

«Per quanto ci riguarda - ha dichiarato Puglisi - non possiamo votare, non voteremo, in un momento di grande incertezza per tutti, critico per l’economia di moltissime famiglie, l’aumento indiscriminato di tutte le tasse senza che prima vengano ridimensionate le spese.

Piuttosto, visto che questa Giunta ha amministrato per un intero anno la Città senza alcun documento di programmazione economica (bilancio di previsione 2011), improvvisando quella che in gergo tecnico si chiama gestione provvisoria, si affrettino a rendere il conto di tale gestione dimostrando che i limiti prescritti dalla legge non siano stati sforati. Non era l’indiscriminato aumento delle tasse che avevamo auspicato quando era apparso inevitabile il dissesto del Comune di Comiso; ma una seria, onesta, approfondita riflessione sulle ragioni del fallimento dalla quale muovere, tutti assieme, verso il risanamento dell’Ente. Avevo ripetuto fino alla nausea, non serve e non ci compete trovare i responsabili del dissesto, è necessario trovare le cause che lo hanno determinato e rimuoverle urgentemente».

Sulla stessa lunghezza d´onda anche il Pd che tramite Gigi Bellassai, segretario cittadino del partito, ha confermato che non approverà in consiglio comunale la delibera proposta dalla giunta che prevede un aumento indiscriminato ed irrazionale delle tasse a carico dei comisani. Un aumento, a detta di Bellassai, operato senza il minimo criterio, senza il rispetto delle fasce di reddito, e senza avere un esatto rendiconto dei costi dei vari servizi in modo tale da potere capire su cosa si basino questi aumenti. Anche Pippo Digiacomo ha commentato che, non si capisce perchè il servizio di raccolta dei rifiuti sia da tre anni in regime di proroga. « Se si fosse fatto per tempo un bando a base d´asta – ha dichiarato il deputato regionale – il costo del servizio avrebbe già avuto un calo del 30, 40 per cento».


come le supposte
29/02/2012 | 22.19.58
condor

come volevasi dimostrare, dopo il dissesto ora si cerca di tassare i cittadini x risanare i conti comunali,come? tartassando il popolo sembrano le supposte fatte apposta x la malattia quasi il copiato del governo monti. ma perchè non ci pensano prima di sprecare denaro pubblico? perchè non pensano di pagare il conto con tasca propri? già la tasca pubblica è meglio x non toccare quella propria!!!!!!! affanc****o tutti i politici con le storie uguali in cerca di voti e poi? tutti a farsi i fatti propri!!!!!!!!!!!!!!