Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 934
COMISO - 15/02/2008
Politica - Comiso - Calma piatta in campagna elettorale

Comiso: la quiete dopo
la tempesta

Si attende ancora l’annuncio del Pdl sulla candidatura di Alfano Foto Corrierediragusa.it

La quiete dopo la tempesta. Si potrebbe definire così il silenzio quasi tombale in cui è piombata la campagna elettorale a Comiso. Dopo la prime avvisaglie, il florilegio di manifesti elettorali e manifesti goliardici, a Comiso si attende ancora la conferenza stampa ufficiale del Pdl che annunci la candidatura di Alfano.

E se da una parte continua la campagna di ascolto tra il candidato del centro sinistra Bellassai e le categorie produttive, le rappresentanze sociali, i giovani e le donne, al fine di potere avere il massimo contributo per la stesura del programma politico, dall’altro tutto tace. E’ anche vero che le amministrative a Comiso, si svolgeranno probabilmente il 6 di giugno, dunque «surriscaldare « il clima adesso, non giova sicuramente a nessuna delle due coalizioni, ma fino ad oggi, i cittadini hanno ascoltato solamente un monologo. Parlando in generale con la gente, gente che non ha una spiccata appartenenza politica, si avverte preoccupazione qualora dovesse esserci realmente l’ election day, perché regnerebbe sovrana la confusione.

Molto meno confusa la cittadinanza, per quanto riguarda le amministrative. Sono tutti abbastanza informati sull’evento, ma tutti avvertono questo gelo che è calato sulla campagna elettorale. Del resto, a tenere alto in graduatoria l’argomento PD, è la nascita nei dodici comuni della provincia, dei coordinamenti cittadini di questo nuovo soggetto politico. Un altro elemento da focalizzare, è la vasta disponibilità di molta gente fino ad ora disimpegnata politicamente, a candidarsi nelle future liste del centro sinistra.

Nomi e volti nuovi, anche inaspettati che hanno spontaneamente chiesto di potersi candidare. Ci saranno sicuramente molte sorprese nelle prossime settimane anche perché ci potrebbero essere ulteriori liste d’appoggio alla candidatura Bellassai. Sul fronte regionale e nazionale, c’è ancora «massimo riserbo». Digiacomo a Roma, Zago a Palermo, oppure viceversa, o niente di tutto ciò. Intanto, gli scenari della politica nazionale di queste ultime ore, di coalizioni che si ampliano e di altre che si disgregano, rendono ancora più precarie le scelte aggregative locali nel centro destra?e forse i ritardi nella campagna elettorale, sono determinati proprio da questo.

(Nella foto in alto la sede del comune)