Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 993
COMISO - 22/12/2011
Politica - Slitta al 2012 la fatidica decisione

Dissesto Comiso: in consiglio se ne riparlerà il 9 gennaio

Il panorama che si prospetterà sarà poco bello

Slitta al 9 di gennaio 2012 la convocazione del consiglio comunale, per la presa d’atto della dichiarazione di dissesto. È quanto deciso stamattina nella conferenza dei capogruppo consiliari. Da qualche giorno, si vociferava che il civico consesso si sarebbe riunito il 29 dicembre, ma evidentemente i consiglieri hanno chiesto tempo per potere esaminare dettagliatamente tutti gli atti.

Il panorama che si prospetterà a gennaio, sarà poco bello. Innanzitutto perché tutta la massa debitoria verrà ascritta al 2011 e dovrà essere spiegato in quale modo il comune è stato amministrato, senza l’approvazione del bilancio preventivo. Inoltre, verificato dai revisori dei conti che il disavanzo accertato è di 12 milioni di euro, si dovrà fare chiarezza sul fatto che i bilanci consuntivi dei due anni precedenti al 2011, sono stati presentati in pareggio se non addirittura con 17 mila euro di avanzo. A quel punto, dichiarando il dissesto nel 2012, e non avendo approvato il preventivo 2011, sarebbe come se tutti i 12 milioni di euro di monte debitorio, fosse stato cumulato nel 2011.

Infine, nel momento in cui si insedierà l’organo commissariale, verrà fatta la verifica dei bilanci degli ultimi 5 anni, di cui 4, a carico di questa amministrazione. Il momento è notevolmente delicato alla luce anche di mancate erogazioni di somme straordinarie da parte della regione e dello stato. Ma va anche detto che, eventualmente, qualora la regione avesse stanziato 2 / 3 milioni di euro, tale somma sarebbe comunque stata una goccia nell’oceano, e non certo risolutiva al fine di coprire il disavanzo accertato. Intanto si prevede un Natale magro per i circa 400 dipendenti comunali, operatori ecologici, e operatori delle cooperative dei servizi, che presumibilmente non percepiranno gli stipendi di dicembre e le tredicesime, sebbene ieri sia stato liquidato lo stipendio di novembre.