Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 815
COMISO - 07/02/2008
Politica - Comiso - Sarà sostenuto dalla lista civica "La Torre"

L´ex sindaco Pasquale Puglisi
presenta il suo programma

Si scaldano i motori per le amministrative di primavera Foto Corrierediragusa.it

L’ex sindaco di Comiso Pasquale Puglisi ha illustrato i punti programmatici della lista civica "La Torre" che sarà presentata per le prossime elezioni amministrative di primavera.

Questi i punti salienti del programma di Puglisi: « a Comiso la casta dei politici (non parliamo della sua ampia clientela) ha un costo elevatissimo che, da un decennio a questa parte si è almeno quadruplicato, a fronte di una situazione economica dell’Ente Comune, paralizzato dai debiti, che non consente il benché minimo investimento. Il primo segnale, sia pur simbolico, da dare al Popolo è la diminuzione dei compensi e delle spese di rappresentanza.

Saranno ridotte le indennità di Sindaco e Assessori e tutte quelle ad esse agganciate. Saranno sensibilmente ridotte le spese di rappresentanza e quelle relative alle missioni in trasferta.

Attesa la necessità di salvaguardare, nei fatti, l’ambiente, tutelare e difendere il territorio, assicurare condizioni ottimali di vivibilità ai cittadini e trasmettere integro alle future generazioni l’inestimabile patrimonio costituito dal territorio stesso, sarà istituita una sezione di Polizia Municipale con adeguata dotazione di uomini e mezzi, adibita a tale funzione, particolarmente a bloccare sul nascere ogni forma di abusivismo edilizio e scempio ambientale.

Per quanto attiene le politiche energetiche del territorio, tenute presenti le direttive nazionali in tema di risparmio energetico negli usi finali (Piano di azione italiano per l’efficienza energetica), sarà predisposta:
l’analisi dei consumi energetici pubblici; lo studio di un Piano di Illuminazione Pubblica che, sulla base delle esigenze del territorio, regolamenti e renda efficienti gli impianti.

Saranno individuati, altresì, gli strumenti adeguati per realizzare, attraverso moderne tecnologie, risparmio energetico ed economico.

Al fine di dotarsi di bilanci affidabili che facciano trasparire la reale situazione economica dell’Ente, sarà effettuata, entro i primi 100 giorni, anche avvalendosi di professionalità esterne, ricognizione dettagliata e veritiera di tutte le entrate comunali; tale ricognizione verrà adeguatamente pubblicizzata. Essa sarà propedeutica alla eventuale riduzione delle imposte e tasse comunali.

Si ricorrerà ai mutui solo per importanti progetti di sviluppo della Città. L’incuria in cui versa il patrimonio immobiliare pubblico e il suo uso, spesso improprio, per benefici particolari, impongono: la ricognizione urgente e dettagliata del patrimonio immobiliare comunale; di rendere efficiente la delega al patrimonio con l’attribuzione di precise responsabilità al fine, non solo di tutelare tale patrimonio, ma di utilizzarlo in modo ottimale a beneficio di tutti.

L’Ente Comune, oltre ad erogare servizi efficienti, deve favorire lo sviluppo delle attività produttive per assicurare benessere alla popolazione e prospettive alle generazioni future.

Gli sforzi economici dell’Ente saranno indirizzati in vari settori delle attività produttive, per scongiurare concentrazione di ricchezza e proteggersi da congiunture economiche negative.

Le risorse disponibili non potranno più sorreggere fallimentari carrozzoni «foraggia-clienti», né sosterranno, come è avvenuto finora, l’edilizia d’espansione che, nei fatti, decreta la fine del centro storico per svuotamento; esse saranno utilizzate, oltre a rivitalizzare il centro storico, anche per settori specializzati dell’agricoltura peculiari del territorio (vivaismo, vitivinicoltura), per la piccola e media impresa, per l’artigianato di qualità (sfilato e lapideo).

Qualsiasi iniziativa e/o manifestazione promozionale deve essere finalizzata esclusivamente a rilanciare attività tipiche del territorio.

? necessario altresì intervenire in aiuto del piccolo commercio locale per porlo, finché possibile, al riparo dalla stretta imposta dalla grande catena di distribuzione, fargli acquisire maggiore flessibilità ed indirizzarlo verso nicchie merceologiche specializzate più protette.

La redigenda variante al PRG terrà conto, se i tempi tecnici lo consentiranno, delle indicazioni espresse al punto precedente, contenendo lo sviluppo urbano e scongiurando il progressivo svuotamento del centro storico.

La macchina amministrativa, inceppata e appesantita dall’ampio sistema clientelare, necessita di razionalizzazione sulla base delle esigenze dell’Ente.
Previa ricognizione dei servizi utili e indispensabili, restituite le proprie mansioni (e quindi dignità) ai dipendenti, saranno, compatibilmente con le leggi vigenti, stabilizzate le figure rispondenti alle reali necessità del Comune.

Recuperare un rapporto di fiducia con le fasce giovanili fra i quindici e i venticinque anni è un imperativo categorico.

L’obiettivo va perseguito attraverso il rilancio della Consulta. Essa, in modo assolutamente autonomo, non funzionale ad interessi di parte, supporterà l’azione amministrativa inerente le politiche giovanili.

Per quanto attiene Cultura e Pubblica Istruzione, tenuto presente lo scollamento evidenziatosi in questi anni, sarà istituita una commissione di collegamento con le Scuole, che interagisca con esse per renderle partecipi degli obiettivi dell’Amministrazione, facilitare il miglioramento della qualità dello studio, la conoscenza della storia del territorio e le sue potenzialità.

Queste sinergie verranno anche ricercate nei confronti delle benemerite associazioni che veicolano cultura.


Una concreta attenzione verso tutto il mondo dello sport dovrà ricucire strappi e contrasti per impegni non mantenuti nei confronti delle società sportive che operano nel territorio.

? necessario rendere immediatamente operativa la Consulta dello Sport, affinché possa in ogni momento, a tutela del mondo sportivo, liberamente esercitare le prerogative che la legge le assegna.

La realizzazione di opere pubbliche deve vedere gli uffici comunali attenti sia nella fase preliminare di progettazione, particolarmente per quanto attiene l’indagine geologica, sia nella fase di realizzazione.

Il completamento della Palestra polifunzionale di Monserrato va subordinato ad un serio studio di stabilità dell’area.