Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 395
COMISO - 24/11/2011
Politica - Nel Pdl si alza la protesta contro la giunta amministrativa

L’ex assessore Caruso ad Alfano: "Dimissioni o sfiducia"

Peppe Caruso ed i tesserati Pdl che ruotano attorno a lui, si appellano a Nino Minardo e Innocenzo Leontini perché facciano dimettere il sindaco
Foto CorrierediRagusa.it

L’ex assessore della giunta Alfano, notoriamente in quota Nino Minardo, non regge più il peso della responsabilità di sostenere ancora il sindaco di Comiso. In una nota al fulmicotone, Peppe Caruso (foto) elenca tutti i progetti e le iniziative presentate prima da consigliere Pdl, e poi da assessore, senza che queste siano mai state poste in essere.

«Forte del mio consenso comprovato anche dal tesseramento appena conclusosi – ha dichiarato Peppe Caruso - ho necessità di mettervi a conoscenza, qualora non ve ne foste ancora accorti, del disastro politico/amministrativo che la mia, la nostra città, sta attraversando. Ci sconforta, a questo punto, aver contribuito alla vittoria di questo sindaco, che ha letteralmente disatteso le promesse fatte ai giovani e alla città in genere in campagna elettorale. Non potevamo però immaginare di ritrovarci, tutto un altro Sindaco di quello che avevamo sostenuto! Come si può, a distanza di tre anni e mezzo, continuare a dire che la colpa del dissesto a Comiso, sia da addebitare a chi c’era prima? Alla città questo, interessa poco! La città, gli elettori, dal politico si aspettano la risoluzione dei problemi, nient’altro! Del resto, Alfano dimentica forse che quasi tutta la campagna elettorale è stata fatta sui debiti del Comune? Deduciamo che sapeva quindi, ma forse…non aveva capito»!

«Pretendiamo da voi, cari coordinatori – continua Peppe Caruso - una presa di posizione netta, un atto di responsabilità, un atto dovuto verso Comiso, che, non poche volte, né con poche preferenze, ha contribuito alle vostre vittorie elettorali e politiche. Chiediamo dunque al sindaco, di dare prova di essere uomo di partito e di credere nei valori fondamentali del PDL, di preferire il bene della città, e di rassegnare, pertanto, le dimissioni. Nel caso in cui, il sindaco Alfano, non volesse ancora dare le dimissioni ci appelliamo ai consiglieri del PDL, suggerendo loro, di aprire immediatamente un dialogo con le attuali forze di maggioranza al consiglio comunale, e di concordare, in tempi celeri, una mozione di sfiducia verso questa giunta».

A conclusione della nota, Caruso a nome suo e del gruppo che lo sostiene comunica che a far data da oggi si autosospende dal PDL, fiducioso del fatto che, interpretando il dissenso, ma soprattutto il malessere che sta vivendo la città, i due deputati iblei sapranno dare «il giusto peso e la dignità che Comiso merita, e regalarci, un Natale «sereno».


UNA VISIONE CHIARA
25/11/2011 | 16.30.56
mad max

forse agli amministratori di comiso così impegnati a spulciare carte e cartine, nell´intento di trovare non solo scheletri, ma autentiche necropoli negli armadi, sfugge un dato talmente evidente da sembrare anche inutile la spiegazione.

la maggioranza che ha sostenuto questa amministrazione, non c´è più. da tempo. prima i tre consiglieri passati all´opposizione, ora anche un pezzo importante e grosso del pdl, si perde. e giungono notizie poco allegre anche da parte di altri partiti di maggioranza che vogliono staccare la spina.

il tutto è stato evidente al momento dell´approvazione del bilancio consuntivo in consiglio, dove gli stessi consiglieri che sostengpno alfano, invece di 9, si sono presentati in 5.

quindi, non resta che una soluzione : salutare tutti cordialmente, e rassegnare, dignitosamente, le dimissioni.