Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 926
COMISO - 02/02/2008
Politica - Comiso - Nessuna certezza all’orizzonte

Quale futuro per il "guru"
della politica Salvatore Zago?

"Antepongo ai progetti personali l’equilibrio dei partiti" Foto Corrierediragusa.it

Quarantanni di politica al suo attivo. Da giovanissimo consigliere comunale, ad assessore, a sindaco per ben due volte, a deputato regionale per tre legislature fino ad oggi. Una carriera politica che ha proceduto secondo giuste e misurate tappe.

E’ la scheda politica dell’on Salvatore Zago (nella foto) considerato il «guru» non solo della politica di sinistra, ma della politica in generale. La memoria di un partito e di un excursus storico e sociale.

Oggi tutti si chiedono cosa farà Zago, o dove andrà a collocarsi politicamente, visti gli infiniti scenari che si sono delineati dopo quanto accaduto a Roma, Palermo e Comiso con le imminenti elezioni. Per non dimenticare ciò che potrebbe accadere tra circa sei mesi alla provincia di Ragusa, qualora il ricorso di Gino Calvo dei Repubblicani, dovesse avere esito positivo. In realtà questa domanda che tutti si fanno, è a tutt’oggi senza risposta.

A Zago abbiamo chiesto specificatamente quali possano essere i suoi progetti politici, ma come ogni buon politico di un certo livello, ha ribadito che contano poco i progetti personali, quanto invece gli equilibri di un partito, gli accordi che in esso si raggiungono, gli obbiettivi che collegialmente si vogliono prefissare.

E’ molto probabile, ma non scontato, che il testimone della deputazione regionale, passi all’attuale sindaco di Comiso, Pippo DiGiacomo, ma questo era nell’aria già da due anni, per una questione meramente ovvia, visto che Zago era già alla sua terza legislatura. Quindi nessuno scoop politico o giornalistico.
Intanto, fuori dagli schemi e dalle strategie partitiche, c’è chi lo colloca a Roma, chi a Ragusa, chi da nessuna parte, dicendo che bisogna dare spazio al nuovo che deve avanzare. Ma Zago ufficializzerà le sue decisioni, solamente quando sarà sicuro che qualunque esse siano, produrranno effetti positivi per il partito che rappresenta.