Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 932
COMISO - 03/10/2011
Politica - Il bilancio dei 3 giorni della festa democratica

Politica, crisi, cultura ed ecologia: c´è di tutto alla festa Pd

Fra i presenti l’ex ministro Edo Ronchi, padre della raccolta differenziata, l’europarlamentare Rosario Crocetta, il presidente regionale della Crias, Rosario Alescio, gli onorevoli Pippo Digiacomo e Salvo Zago e Gigi Bellassai. E anche esponenti della destra quali il movimento Libertà e Lavoro, la lista civica LaTorre, Forza del sud e Progresso sud
Foto CorrierediRagusa.it

Si è conclusa la Festa regionale degli Ecologisti democratici che si è svolta in contemporanea alla Festa democratica di Comiso. Ultima fase per l’iniziativa politica ma al tempo stesso anche culturale, che ha preso il via mercoledì scorso 28 settembre per svilupparsi attraverso una serie di confronti e dibattiti e con numerose iniziative culturali e di spettacolo che hanno registrato il numero più alto di presenze negli ultimi due anni, e la collaborazione di più di 100 ditte che hanno sponsorizzato l’intera manifestazione. Hanno concluso i lavori il presidente regionale di Ecodem, Gigi Bellassai (nella foto al centro con i dirigenti del partito), e il presidente nazionale di Ecodem, Fabrizio Vigni.

Le cinque serate organizzate dai gruppi dirigenti del Pd di Comiso, hanno visto la partecipazione di numerosi esponenti politici a livello locale, provinciale, regionale e nazionale. Varie le tematiche affrontate, relativamente alla crisi economica e politica che investe tutte le società occidentali. Nei vari spazi destinati alla comunicazione, si sono sviluppati temi relativi alla situazione politica locale, con approfondimenti che hanno visto partecipi anche gruppi di destra o che hanno sostenuto l’attuale amministrazione Alfano, quali il movimento Libertà e Lavoro, la lista civica LaTorre, Forza del sud e Progresso sud. Tra gli ospiti di rilievo delle serate, l’ex ministro Edo Ronchi, ideatore e padre della raccolta differenziata, l’europarlamentare Rosario Crocetta, il presidente regionale della Crias, Rosario Alescio, gli onorevoli Pippo Digiacomo e Salvo Zago e Gigi Bellassai.

Essendo anche il segretario cittadino del Pd di Comiso, Bellassai è tornato sulla politica locale e ha nuovamente contestato l’attività amministrativa della Giunta comunale di centrodestra guidata dal sindaco Giuseppe Alfano. In particolare il punto più spinoso è quello che riguarda l’aumento delle tasse per i rifiuti. «Un aumento che noi giudichiamo illegittimo – dice Bellassai – e per questo organizzeremo nelle prossime settimane una manifestazione di protesta supportati da tantissimi cittadini comisani che ci hanno ribadito la propria partecipazione perché contestano lo stato in cui ormai versa Comiso».

Uno stato di degrado di cui si è accorto anche Fabrizio Vigni che era stato in città tre anni fa. «Ho adesso trovato tante situazioni di vero e proprio abbandono – ha detto Vigni – Questa città non lo meritava». Il presidente nazionale di Ecodem si è poi soffermato sulla politica nazionale e sul Governo Berlusconi. «Un presidente del Consiglio che ha portato indietro l’Italia negando ogni prospettiva di crescita. A noi del Partito Democratico, con l’aiuto di Ecodem, tocca il compito di ricostruire un’Italia che torni ad essere il Belpaese. E per farlo è opportuno pensare ad un modello di sviluppo innovativo dove vanno riconfermati i principi dell’economia verde, dell’ecologia, della qualità ambientale e delle produzioni, andando verso la riconversione del sistema industriale, pensando alla filiera delle fonti rinnovabili, alla valorizzazione del made in Italy e alle bellezze monumentali da valorizzare».