Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 625
COMISO - 12/07/2011
Politica - Aria pesante nell’aula consiliare di piazza Fonte Diana

Comiso, bocciato bilancio consuntivo nonostante appelli al buonsenso

Dopo il rinvio di 20 giorni fa, un’altra pagina nera. La situazione adesso diventa critica per l’amministrazione Alfano. Zago spiega il "no"
Foto CorrierediRagusa.it

Su 19 consiglieri presenti, 11 hanno votato contro lo strumento finanziario e 7 a favore. Nella seduta consiliare del 12 luglio, erano previsti anche i bilanci delle due istituzioni, la Fiume e l’Isproa, anch’essi bocciati dai gruppi di opposizione. Diversi sono stati gli appelli dei consiglieri del Pdl, a votare a favore del bilancio, ma dopo circa tre ore di discussioni in aula, il «verdetto» è stato inamovibile.

Il Pdl, ha chiesto ai consiglieri di opposizione un gesto di responsabilità verso la città, ma il capogruppo del Pd, Salvo Zago, ha restituito la richiesta al mittente dichiarando: «Abbiamo sopportato la pantomima dell’ultima seduta consiliare durante la quale, io per primo, ho mostrato assieme a tutti i consiglieri di opposizione, un grande senso di responsabilità, chiedendo di integrare nel bilancio consuntivo, il tabulato dei debiti fuori bilancio di cui, il consiglio comunale, non è mai stato messo a conoscenza. Ma –ha continuato Zago – l’amministrazione non ha voluto cogliere l’occasione, riportando in aula un bilancio definito dai revisori dei conti, inattendibile, quindi non si può chiedere ai consiglieri di votare favorevolmente, un bilancio falso».

Adesso la vera criticità: dovrà essere nominato un altro commissario ad acta, che si occuperà di redigere un nuovo bilancio consuntivo, che verrà riportato in aula per l’approvazione o meno. Ma la cosa fondamentale, sarà l’accertamento del disavanzo di cassa e dei relativi debiti fuori bilancio. Intanto pare che verrà bloccata la terza rata dello Stato e l’ultima redistribuzione del 30%. In extremis, si dovrebbe provvedere alla mobilità di un centinaio di dipendenti del comune. Infine, sino a quando non sarà presentato un consuntivo, non si potrà elaborare il bilancio preventivo, il che non consentirà alcun impegno di spesa per l’anno in corso.