Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 705
COMISO - 26/06/2011
Politica - Situazione debitoria Comiso: conti in rosso. Bilancio inviato all’organo dello Stato

Digiacomo: "La Corte dei conti valuti entrate e uscite"

Drastica decisione del Pd e delle altre forze di opposizione. Tranquillo l’assessore Dante Di Trapani: «Lo riporteremo in aula senza alcuna modifica perché esatto e correttamente elaborato»
Foto CorrierediRagusa.it

Sui numeri del bilancio comunale è scontro fra maggioranza e opposizione. «Il 4 aprile 2008 – ha spiegato il deputato regionale del Pd Pippo Digiacomo (foto) – si è insediato a Comiso il commissario straordinario ed a quella data l’estratto conto bancario del comune di Comiso, indicava un’anticipazione di cassa, di 4 milioni di euro. E questo già creava preoccupazione. Oggi, alla data di marzo 2011, i numeri dell’estratto conto bancario sono agghiaccianti: 5 milioni ed 800 mila euro di anticipazione di cassa, che si aggiungono ai 14 milioni di euro di fatture da pagare, dal 2008». Secondo il deputato regionale, in tutto questo c’è qualcosa di ancora più grave. I bilanci consuntivi presentati in questi tre anni, non hanno inglobato i debiti fuori bilancio dell’ente, non evidenziando quindi, il reale deficit.

«14 milioni di euro di debiti e 5 di anticipazione di cassa, portano l’ente ad un buco di quasi 20 milioni di euro – continua Digiacomo – che significa che il comune è fallito. Oggi il sindaco Alfano chiede ai consiglieri di opposizione, ma anche a quelli che lo sostengono, di approvare un altro bilancio falso, scaricando sugli stessi l’eventuale responsabilità della bocciatura. Ma – ha concluso il deputato regionale – siccome nella storia di Comiso, non si era mai verificato che i revisori dei conti dichiarassero il consuntivo «non attendibile», i consiglieri delle opposizioni, in autotutela, hanno inviato gli atti della strumento finanziario, alla Corte dei Conti ed all’assessorato regionale agli enti locali».

Intanto, in conferenza stampa, l’assessore al Bilancio Dante Di Trapani, ha dichiarato che il bilancio consuntivo, ritirato dal Consiglio comunale passato all’unanimità, per essere emendato, sarà riproposto così com’era. «Riporteremo in aula il bilancio consuntivo senza alcuna modifica, perché riteniamo che sia esatto e correttamente elaborato».