Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1100
COMISO - 19/01/2011
Politica - Comiso: voci di corridoio danno per autosospeso il direttore generale del Comune

Licenziato il direttore Depetro? Pasquale Puglisi interroga Alfano

Rimane sempre tesa la situazione politica in seno all’amministrazione Alfano
Foto CorrierediRagusa.it

Il direttore generale del Comune di Comiso Alberto Depetro sarebbe stato licenziato. Pasquale Puglisi, consigliere della lista LaTorre vuole conto e ragione. Con una interrogazione presentata oggi al sindaco Alfano, Puglisi chiede lumi in merito. Pare infatti, a detta dello stesso, che il Alberto Depetro (nella foto), direttore generale dal 2008, sia stato licenziato dal primo di gennaio 2011. Voci di corridoio confermerebbero che Depetro, si sia autosospeso in attesa che il sindaco prenda una decisione. Nell’interrogazione di Puglisi, si legge: «Se la notizia risponde a vero, in base a quale delibera di giunta è stato adottato il provvedimento, quale motivazione ha indotto gli amministratori a privarsi di una figura chiave per l’attuazione degli indirizzi programmatici, che il sindaco ha recentemente, ripetutamente, dichiarato di voler realizzare».

Non sono solo queste le richieste del consigliere. Con un’altra interrogazione, Puglisi ha chiesto chiarimenti in merito a quello che ha definito un «un fantomatico progetto relativo alla indizione di un Festival della scrittura ambientale» con un impegno di spesa di circa 120.000 euro, di cui solo il 10% sarebbe a carico del comune. A tal proposito, il consigliere ha chiesto nell’interrogazione: «Se nell’attuale momento di crisi, oltre che «surreale», non appare corretta la pretesa di recuperare oltre 100.000 euro (circa il 91% del costo complessivo del progetto) in ambito privato. Se non intende sospendere urgentemente ogni atto amministrativo conseguente alla delibera di Giunta Municipale 408 del 16-11-2010 e se non ritenga opportuno, a parte le prescrizioni di legge, che un atto pubblico come una delibera di Giunta, in cui vengono impegnati soldi pubblici, espliciti, affinché i cittadini ne siano informati, il presentatore e il progetto nei suoi dettagli, nonché il piano economico relativo».