Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 978
COMISO - 12/12/2010
Politica - Comiso: si sgonfia lentamente la crisi amministrativa

La nuova giunta Alfano muove i primi passi, niente pericolo di sfiducia

L’Udc fa marcia indietro. Lavima e Ragusa: «Noi ci siamo con gli uomini migliori»
Foto CorrierediRagusa.it

«Saluto con piacere il clima di reciproca collaborazione istauratosi, già stamane, tra i componenti della nuova macchina amministrativa. Tutti gli assessori hanno dimostrato di condividere pienamente l’impostazione che ho voluto dare, riscontrando, a differenza del passato esecutivo, una maggiore voglia di lavorare, ma soprattutto un’unità d’intenti». Sono le dichiarazioni ufficiali del sindaco Giuseppe Alfano, subito dopo la prima riunione della nuova giunta. L’atto più importante deliberato, è stato la richiesta di un ulteriore mutuo di 4 milioni e mezzo di euro a cassa depositi e prestiti che Alfano depositerà personalmente lunedì mattina.

Nel frattempo si va verso lo «scongelamento» dei due assessori Udc, Cassibba e Schirmo, assenti a questa prima convocazione. Nella mattina di sabato, i rappresentanti provinciali dell’Udc, Orazio Ragusa e Pinuccio Lavima (nella foto), hanno fatto sapere che ci sono buone possibilità che i loro assessori comisani, entreranno ufficialmente a far parte dell’amministrazione Alfano.

Potrebbe infrangersi a breve il progetto di Minardo, di sfiduciare Alfano?
«Abbiamo lavorato ad una mediazione costruttiva – rispondono Ragusa e Lavima sulla stessa sintonia - e non vi è dubbio che lavoreremo ancora nelle prossime ore, chiedendo compattezza al Pdl. Ma la spaccatura creatasi non ci appartiene politicamente e non possiamo stare a guardare mentre si assiste all’immobilismo politico. E’ vero – hanno continuato i due esponenti – che Alfano avrebbe dovuto tenere conto delle rappresentanze di tutta la coalizione, ma noi rispettiamo i patti».

Quali sono i patti e cosa farà l’Udc in caso di mancato accordo tra Alfano e Minardo?
«I patti sono quelli che abbiamo fatto innanzitutto con la città e gli elettori che ci hanno dato pieno mandato a governare Comiso, non meno che agli altri partiti di maggioranza. In caso di mancato accordo all’interno dello stesso Pdl, noi non possiamo non tenere conto del fatto che abbiamo messo in campo gli uomini migliori, i dirigenti migliori e la migliore espressione della società civile. Quindi, al massimo entro domenica, noi ufficializzeremo le nostre decisioni, ma siamo certi che la rappresentanza Udc in giunta ci sarà».

Le dichiarazioni dell’Udc, al momento sembrano tendere ad una convergenza politica finalizzata alla presenza in giunta, ma la situazione è ancora «in progress», e fino all’ultimo potrebbe riservare qualche sorpresa.