Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 995
COMISO - 19/11/2010
Politica - Comiso: si fa caotica la situazione politica nella città casmenea

Pedalino, autosospesi consiglieri Pdl prima del rimpasto

Sette consiglieri e simpatizzanti delusi dagli sviluppi politici bypassano i dirigenti locali e chiedono incontro direttamente a Nino Minardo e Innocenzo Leontini
Foto CorrierediRagusa.it

I consiglieri della Circoscrizione di Pedalino si sono autosospesi dal Pdl. La crisi interna alla maggioranza di Comiso assume forme e dimensioni sempre più vaste. Salvatore Cavalieri (primo dei non eletti al consiglio comunale), Ivana Stracquadaini (consigliere), Salvatore Distefano (consigliere), Giovanni Mazza (consigliere), Sebastiano Cascone (consigliere), Mario Mercorillo, Gino Cappuzzello e molti altri simpatizzanti, riunitisi in assemblea per discutere sulla situazione politica ed amministrativa di Comiso e sulle scelte di rimpasto della Giunta da parte del sindaco Alfano, hanno scelto di autosospendersi con effetto immediato dal partito.

Lo scenario che ora si prospetta è alquanto frammentato per non dire preoccupante. L’autosospensione dal partito, implica la presenza «indipendente», nell’organo consiliare circoscrizionale. Ma la situazione più critica, in questa vicenda che muta di ora in ora, è che tra i firmatari del documento, anzi il primo firmatario, c’è Salvatore Cavalieri, primo dei non eletti del Pdl, al consiglio comunale di Comiso, e che dovrebbe surrogare Emanuele Amenta, qualora Alfano lo nominasse assessore.

Il quadro politico attualmente non è solo questo. Il Pdl «Minardo», rivendica la presenza di un altro assessore in giunta, oltre a Caruso, per equilibrare i numeri del Pdl « Leontini « che vede la presenza di Raffaele Elia, presidente del consiglio, e fino a ieri, Giancarlo Cugnata, che con buona pace sarebbe sostituito da Amenta. L’Udc chiede la sostituzione del vice sindaco Girlando, ormai Pid, con altri due assessori.

La settimana scorsa, il sindaco Alfano dopo un incontro informale con Leontini e Minardo, aveva ipotizzato la creazione di una giunta tecnica chiedendo comunque l’appoggio dei partiti di maggioranza. Ipotesi non gradita dagli stati generali della politica. E se il primo cittadino ha annunciato che nei primi giorni della prossima settimana comunicherà ufficialmente i nomi dei nuovi assessori, il Pdl provinciale e l’ Udc, parlano ancora di istituire un tavolo di concertazione per discutere di assetti ed equilibri.

Anche i consiglieri Pdl di Pedalino hanno chiesto a loro volta un incontro, nelle prossime ore, soltanto con i coordinatori provinciali del partito, Leontini e Minardo, scavalcando quelli locali. In definitiva un work in progress politico sul cui esito non c’è ancora alcuna certezza.

L´AZZERAMENTO DELLA GIUNTA DI COMISO E IL TOTO-ASSESSORI
Il sindaco Giuseppe Alfano (nella foto), nell´ambito della preannunciata revisione dell´assetto esecutivo e dirigenziale della squadra amministrativa, ha temporaneamente avocato a sé tutte le deleghe assessoriali.

«Gli attuali componenti la Giunta municipale rimangono in carica, ma senza deleghe al fine di assicurare il buon funzionamento dell´apparato amministrativo – dichiara il sindaco Alfano - Mi riservo, entro questa settimana, di presentare la nuova composizione della Giunta amministrativa».

In realtà sembra che la fatidica data del 15 novembre, sia stata differita. Ufficialmente non si conoscono i motivi di questo rinvio anche se il primo passo è stato già fatto. Secondo quanto previsto dalle legge, infatti, dopo l’azzeramento della giunta ci sono 8 giorni di tempo per la nomina dei nuovi assessori.

Intanto sia nel palazzo, sia in città, non cessa il «totonomi». Tra i tanti, l’unico che pare essere certo, è quello del consigliere Pdl, Emanuele Amenta, in quota Leontini, che andrebbe a ricoprire l’assessorato viabilità e ambiente. Qualche indecisione sul numero di assessorati e sui nomi da assegnare all’Udc. Sempre da voci di corridoio, il partito di Casini, vorrebbe due assessori in giunta. Ma questo è in tutti i casi un nodo che verrà sciolto nei prossimi giorni, dopo che sarà stato avviato un tavolo di concertazione.

Nella foto in alto la sede del Municipio di Comiso